SAPETE I PRETI

Sapete gli sposi Che me ne scappano a uno a uno Alla spicciolata insomma Dal matrimonio dalla chiesa Su auto rosa piene di certificati Turaccioli e lattine Ancora oggi Archemidonte Se ne lagna Nel mondo nuovo Scappano come angioletti Si tira qualche sospiro quaggiù Può darsi tornino Intanto però anche …

CIOE’ CHE (a Andrea G. Pinketts)

    Cioè Le femmine hanno seni e fica e noi non abbiamo seni e fica? E allora? Cioè noi saremmo penalizzati per non avere questi prodotti di mercato? Cioè questo cazzo pendulo non vale niente? Questo sigaro squisito? Cioè nemmeno valutato in borsa? Cioè niente. Qual è il tuo …

DOVE SARA’ SCAPPATA SUA MAESTA’ E UNO E DUE E TRE

Dove sarò scappato. Ci sarà qualche fotografia. Un cartone animato. 200 sagome tra via Saverio Scorfani e via Sampolo. In un orario impossibile da dirsi. Senza biglietto. Senza biglietto non può salire su questo treno maestà. Il dolore scende sottacqua come un pesce. Adesso non sente i contorni elastici della …

INCIPIT / EXCIPIT (Mark Haddon)

Signore e signori, membri della giuria. Quelli del mio mestiere, siamo come il tasso e la talpa. Lavoriamo da soli nell’oscurità, guidati da minuscole candele che non condividiamo, sudando per dare alla luce pianeti di sostituzione dove accadono le cose che non accadono. E qualche volta il difficile puzzle diventa …

BLU

Facciamoci un bicchiere duri una bottiglia incastoniamo una storicella almeno una lettera a settimana un morso di serpente per sentire vivo il polpaccio facciamoci una bottiglia duri l’attimo di un bicchiere l’ultimo sia uguale alla prima ottava della tastiera il tempo bloccato dal metronomo bloccato Dei denti sull’asta degli occhiali …

UNA OMBRA DI MARTINI

– Perché un’ombra di Martini? – Come signore? – Perché un’ombra di Martini? – Perché? – Mi sta preparando un Negroni? – Si signore. – E perché con un’ombra di Martini? – Ma è la regola signore. – La sua regola del Martini? – Non la mia regola, la regola …

UN LOMBRICO MORTO IN CASA

Quello che più mi ha strizzato è che questo lombrico sia riuscito a entrare morto in casa. Con la doppia esse verticale e la testa un po’ a testa di cazzo è riuscito a guadagnarsi uno spazio tra la mia Birkerstock destra e il gradino celeste della scala. E lì …

INTRAMOENIA (Leonora Carrington) ad Andrea Fiorito

“Era anche per sfuggire il mondo che ogni giorno mi recavo allo zoo. La bestia che ho conosciuto meglio era una giovane iena. Anche lei mi conosceva; era molto intelligente; le insegnai il francese..” * Leonora Carrington, in “Antologia dello humor nero”, Andrè Breton, Einaudi 1970