“Quando non può più lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l’andatura di cappa (il fiocco a collo e la barra sottovento) che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio, permettendo così di scoprire rive sconosciute che spuntano all’orizzonte delle acque tornate calme.”                  FUGA – foto di Areta Gambaro
“Quando non può più lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l’andatura di cappa (il fiocco a collo e la barra sottovento) che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio, permettendo così di scoprire rive sconosciute che spuntano all’orizzonte delle acque tornate calme.” FUGA – foto di Areta Gambaro
Il cucchiaio nell’orecchio

* * *

Con il disavanzo endemico avente carattere di malattia gli animali e i vegetali di un dato territorio si ammalano e muoiono. L’endemismo li stermina, e loro muoiono e muoiono divisi in scaglioni ordinati. Si affacciano a coppie su un precipizio e si lanciano nel vuoto mano nella mano sciupandosi le …

PERDE PEZZI

la casa vive e muore in aria perde pezzi si affloscia sulle fondamenta la polvere disegna l’aria ” song of India” dettaglia il fragore la fragranza profumi a fiotti mughetto patchouli sandalo profumi evaporati dalla pelle profumi personalizzati la vita convissuta finisce lui se ne va le cose profumano l’aria

NON MI CHIEDERE

Non mi chiedere dove sei perchè non scrivo se ti amo io sono un’isola non potrei esistere se non ci fossi tu che sei il mio mare ho bisogno dei tuoi occhi verdi come le alghe delle tue mani morbide come la rena dei tuoi gabbiani che si posano sulle …

ora che (19) – marzo 1980 –

‘quando ti vedo?’ ‘quando vuoi, da qui non mi muovo’ – ora per favore tu dovresti scostarti un po perché con la luce che ti cade alle spalle non distinguo la tua faccia tanto basta grazie – si é scostata smetto di guardarla – subito dopopranzo della prima vera giornata …

SOMMOSSA

Oggi mi sento Ottocentesco e voglio organizzare una sommossa. Ci appostiamo, tutti e mille, intorno al crocevia dove arriverà il Priore. Armati di coltelli, passiamo il tempo a mangiare gelato e Speranze. Aspettiamo qualche eternità, sventolando bandiere. Infine il Priore arriva, in carrozza. Allora tutti in azione, a sparare, sparlare, …

GIACENZE DI MAGAZZINO

pane e cioccolato pane bianco pane nero pane duro pane e panelle pane con milza pane di stelle pane di segale pane amaro pane di Spagna e i tuoi occhi infiniti

LE OSSA CONTANO

Le ossa contano come le costole rinforzate delle petroliere gli spilli imbastiti nell’orlo delle gonne la sensibilità “alle palpebre di un caffè al vetro” Sono la solidità dell’anima la bitta la caparbia radice di gramigna Le ossa contano quanto il dolore alle dita delle mani allo scroto ai denti agli …

EMATOCOCCO PLUVIALE

Quello che fa dannare uomini di scienza come Amedeo Castillo Ferrari, o Romano Bruno Morales, abituati a ragionare solo su elementi certi e a formulare leggi – quando sia stato possibile – solo se queste sono replicabili nel tempo, ossia, solo se, ripetute anche un milione di volte daranno sempre …