Michele Fianco: Monsieur COTE’ e il suo senso del blu (musicarello, ITA-FRA 2022)
Michele Fianco: Monsieur COTE’ e il suo senso del blu (musicarello, ITA-FRA 2022)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pippo Zimmardi, “cose”
Il cucchiaio nell’orecchio

DI DOMENICA

Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non mi appartengono. Uomini e donne eleganti, sorseggiano caffè, vassoio di paste in una mano, da soli o con gli amici in compagnia. Fra odore di salvia e timballo, mescolarmi a …

DIDASCALIE 6

1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una notte di quelle che diventavamo spettrali. 5. Chiedevo dove sono, non sapevo più dove fossi, proprio prima di venire. 6. L’angoscia di non capire, di non essere del tutto immerso …

AFORISMI IN SOSPESO

siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   quando viaggi in treno, il silenzio è meglio di   la scuola lacaniana è ormai considerata non efficace nella   il pulcino di fagiano e il maiale sono entrambi rosa, …

(PRIMO E SECONDO ADDIO)

Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, ci basta un ci vediamo. Poi, dice qualcuno, gli addii sono nelle cose, Ma archi tribone luoghi nel teso raggio Dei nomi amati dei morti, che nessuno nascose, Segnano il …

FREDDO

A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il tailleur liso un lembo coppa ricolma senza pace pera pera, bramava un succo voce rotta tremuli viso occhi il suo mondo cogitante ressa voci dal ventre sasso acceso sulle tempie …

DIVELLERE

possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità di terra e altri fattori anatomici – dall’osservazione empirica – sono faccende psicosomatiche che fungono da prigioni. e Anassagora aggiornò la nozione di liquidi organici, inclusa la bile gialla.   …

LACRIMAE RERUM 16

(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la vita, lurida fattucchiera”, disse il vecchio, “sono stanco del mellifluo richiamo della speranza, preferisco il deserto, le inospitali scogliere del dolore, quanto più vero e onesto, lasciami in pace servo …

CHIROMANZIA

Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e si ramificano di ossessioni dentro cornici continue di verde e di viola. Si tagliano alla vista e reticolano la superficie ingabbiando la carne, come aracnidi in cerca di preda. Chissà …

NON PENSATECI NEANCHE

Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, se un brizzolato sfoglia la pagina della cultura, se i tavoli sono in legno, se la sigaretta può cadere nell’interstizio da un momento all’altro, se si rimane un quarto d’ora …

CANTABILE OSTINATO II

parliamo della città sfregiata che si allunga ecc. ecc. appesa a un filo un’ombra di primavera panni stesi e un colpo di pistola le coordinate esatte il fazzoletto al dito per non dimenticare se il pesco è già fiorito se il mare è sempre uguale laggiù lungo la linea frastagliata …