Installazione di Rosa Mastrandrea, 2024
Installazione di Rosa Mastrandrea, 2024

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pippo Zimmardi, “cose”
Il cucchiaio nell’orecchio

 

 

BASANDOSI SUL RITORNO DEL SOLE

Virginia Laura e Giovanni Ciro non apparecchia mai per due. Anche se avesse trenta invitati, anche se fosse sola, anche se a tavola si fosse una mezza dozzina, non apparecchia mai per due. Divide ogni parola in tre fette, deduce il peso esatto di uno starnuto, squarta in un lampo …

I Rabbini di Oria e non soltanto (Rabbi Beniamino)

La piccola Lucia fu destata dall’acqua della cisterna che chiamava il suo nome. La bambina guardò dalla finestra aperta sull’Estate e vide suo nonno, Rabbi Beniamino, uscire in istrada. Volle seguirlo per prendergli la mano e andare insieme con lui in giro nel paese così come facevano spesso. Gli svelti …

DERISO

Multietnico, pluriespressivo, paranomasico a dir poco, talmente fuori dagli schemi da disegnare un periplo e rientrarvi dagli estremi, Deriso (1941 – 2003) è stato il fondatore dell’anarcologicismo. In polemica con i metodi della filosofia analitica anglosassone e influenzato da pensatori talmente sconosciuti che nominarli sarebbe un affronto al buon costume, …

Accampamento 7 – La sagoma indolente

Ho fin’ora dissimulata la natura di questo immenso avvallamento che non è il risultato dell’erosione, ma larga e profonda buca da terra sottratta per compattare una montagna di rifiuti. Nel suo basso, un paese sott’orizzonte ha sempre l’aria ferma, eppure circuita MOM per strade e crocicchi e pause con fontane. …

ALLAFANNATI

Un occhio è aperto. Un altro semi chiuso. C’è un cuore che batte ed un respiro che si affanna al domani. Quei tacchi stanno facendo la spia. Allafanniamoci una Monte Lungo. Mentirti è impossibile. Spremute di vite all’arancia amara concentrati in poco più di un’ottima annata. E conosci ogni sguardo …

da I GIORNI QUANTI (68)

Oggi sono uscito dal ristorante e le mie figlie avevano la testa bassa. Avevano visto quanto ho pagato. Per un calamaro morto. Un funerale costa di meno, hanno detto. Gradite l’aceto con l’insalata? aveva chiesto il cameriere. Sì. Naturale o balsamico? Sì. Hanno risposto. Ma continuando a tenere la testa …

IL VESTITO BIZANTINO – 36

Con un giogo d’ombre Il bivio di restare Strampalata bavetta di neonata. Col calcio d’angolo il goal Non l’ho mai avuto Ma bestemmia di vuoto La catastrofe. Ferie al sole Le ho viste seducenti Soltanto ai soldati in congedo. Gelo di rammendo il mio stare Quasi un bagliore di dolo …

OCCLUSENE Parte II

entra ovunque  si insinua in qualunque organo   in ogni tipo di tessuto   di fibra  di unità funzionale grazie alle sue capacità penetranti  è in grado di attraversare qualsiasi capillare  una volta che entra in circolo  apre imboccature si adatta con successo a ogni rifiuto situazionale collettivo   individuale    sa anche come …

TIC TAC

Senti come batte. Senti i clangori che rimbalzano sulle lamiere, gli spari di tosse, le gomme che squittiscono curvando sull’asfalto, i crepiti dello schiaccianoci alla cena di Natale, le pedate sul portone sbarrato, i rantoli altissimi degli aerei da guerra in picchiata sul giardino. Senti i rrrrrrrrrrz delle seghe elettriche …

PAGINA BIANCA 30

Egli prepara il pranzo       nella padella un pollo. alloro aglio col sugo cipolla. vino scongelare il pollo limone tre cacciatora. le patate. pollo. scongelare il pollo. nella padella l’acqua. con pollo. mi ripeteva con acqua fette. pollo alla sei un pollo. un fifone un coglione. sempre mio …