(L’OCCHIAIA. 72.)

Voci sguaiate e risate insopportabilmente scasciose si levano sempre più alte dai tre tavoli accostati accanto, strappano da un sonno abissale i pesci blu tratteggiati a mezz’altezza sulla parete dietro di noi e fanno veleggiare il cellofan teso davanti i pilastri della veranda vicinissima alla strada panoramica… Abbandono le orecchie …

(L’OCCHIAIA. 71.”L’oleandro fiorito 6”)

affronta con disinvoltura inciampi immaginari intestarditisi nel volere a tutti i costi far perdere smalto al suo andare troppo vivace mentre poco discosta a sinistra libera da intralci una sua vecchia ombra scombina gli spigoli ai muri cittadini continuando a pinocchieggiare anche quando l’uomo si ferma a fissare impietrito l’oleandro …

SULLE RIVE DEL TONTO (38)

di Elio Coniglio Alla svelta, chi può anche carponi, recuperiamo nasi, orecchie e lingue cascate a terra per il freddo col far delle ore sempre più pungente e, in assoluto silenzio, c’incamminiamo, lasciandoci definitivamente alle spalle la Grande Curva. Un tenorile tartaglìar di dentiera dà il là al nostro incespicoso …

(L’OCCHIAIA. 70.)

Ancoro i piedi nel marmo della soglia e mi sporgo verso l’esterno. Ignorato dalla gravità mi abbandono agli abbracci del vuoto. Scricchiola il collo mentre giro la testa e con sguardi già allenati agli ingannevoli velami del quotidiano scandaglio la via fino a che non svolta per allontanarsi senza ripensamenti. …

SULLE RIVE DEL TONTO (37)

  Una sola candida nuvola solletica l’azzurro appena sveglio di questo cielo inaspettatamente dicembrino quando, scivoloni, raggiungo il terreno gelato ai piedi della ripida scarpata. Mi rimbocco le maniche e, a mani nude scavo una buca, profonda e larga quanto basta, per nascondervi la mia trottola. Un improvviso scalpiccio manomano …

(L’OCCHIAIA. 69.)

dall’altro lato della via case basse a turno addentano un cielo di un mutevole ormai scontato e vecchie oche sculettanti perdono piume lungo il marciapiede ghiacciato mentre un turbine ziccusu canzona il fogliame dell’oleandro infreddolito non regala rumori la notte quando dorme su un letto di neve

(L’OCCHIAIA. 68.”Bipedi 6”)

tiri il collo alla pellicina ribelle che svirgoletta sopra la lunetta del mignolo poi sgrani gli occhi sui miei già rincantucciati nelle tue iridi cangianti e mi dici tanto io non l’indosserò mai cosa la pelliccia sopraffatta dal peso delle tue parole ora vacilli per non stramazzare a terra incolli …

SULLE RIVE DEL TONTO (35)

Di continuo, senza un perché, bolle di sapone sbocciano a grappoli davanti alle nostre bocche stupite. Come un canticchiar di bimbo le chiama a sé dalle untuose profondità di una notte ancora tanto lontana dall’alba e ce le soffia via. L’animoso fascio di luci di un proiettore, danzando nell’oscurità, sfuoca …

(L’OCCHIAIA. 67.)

Nuvole stefanesi sconfinano nel cielo prizzese maculando le spettinate campagne sottostanti. Il mattino biondeggia di colori ormai più che primaverili. E nell’aria frizzano profumi già presentiti durante la notte appena trascorsa: me ne riempio le narici e lascio qua e là lungo le scarpate sacche di vuoto subito colme d’altri …

(L’OCCHIAIA. 66.)

Ricciutissime puzze ascellari femminili mi strappano agli ozii quotidiani e spintonandomi senza tanti complimenti in quattroequattrotto mi sbaraccano su un letto qualunque addossato ad una delle pareti di una stanza qualunque… Trattengo il fiato, pinzo col pollice e l’indice la punta del naso nauseato, mi barrico sotto le lenzuola e …