88 (da Ospizio d’addio, 2019)

Ho la trappola nera del sudario L’immenso bossolo di spararmi in bocca, Tu che ridi del sillabario mio E nel canestro poni castagne marce. C’è di qua il medico mortale L’astrale spazio di morire lacero Cielo del nudo cortile, nemico. Trillo di vipera resistenza La stanza storpia con le candele …

87 (da Ospizio d’addio, 2019)

Senza più giocare le forze della luna Monca restò la cicala bella Quella la donna ammirata e sola Batuffolo d’eremita, Miranda Tuffatrice mirabile

86 (da Ospizio d’addio, 2019)

Oscilla lo scibile in bile: in piedi moribonda da anni scivolo le scale appena lavate con le brutalità di stare in corsa all’alambicco velenoso.

COMPARSA DI CINEMA

Apostoli di sassi I capelli bianchi Tanto tingerli è volgare Quanto un fiore finto. Guardone del tempo che resta, Stazione nebbiosa senza treni La panchina di stasi Infestata da insetti velenosi. Ammazzo il sudario che stagna Sotto il ponte dell’ultima fermata Quando brucia il sangue In attesa di uno sparo …

L’ULTIMA MODA

Ho perso la poesia in un singulto di fato In un’imboscata di tempo In una cascata di parole straniere. Ora che il tempo diventa breve Svendo le stelle in coriandoli cattivi Trito la svendita del mio petto solo. Quaggiù rammento chi non sono, veglio la salma che mi attende secondo …

FRANTUMI DI COMETE

Sul lastrico del futuro Stride la ronda che mi protegge Ristride il teschio sì gemello con tutti. Un toccasana di poesia e musica Calmi la salma che si prepara Ragione del petto unica caccia. Frantumi di comete essere rapiti Dalla fiaschetta velenosa e postuma Dove i gradini portano al macello. …

LA GITA A NASCONDINO

Enigma della fame nascere Sisma d’etere non trovare Appiglio o fregio il bello: es- Sere scontenta. Con genio me ne andai Chissà dove, dove barcolla il serpente Ferale e la salvezza vìola la luna Inutile germoglio senza anima. Mogio mogio fu il conflitto Dell’eresia di sbattere la nuca Pronta alla …

da OSPIZIO DI ADDIO 2019 (2)

Poi ti costerà a vita Salutare gli aguzzini I figli del tempio satanico Dove bivacchi le paniche Oasi fanciulle di un allora Quando sempre innamorata Eri e sei innamorata o tralasciata All’abisso di scommettere a carte. Ora sonnecchi il bisturi che uccide La zavorra del corpo che attende Biciclette scassate …

da OSPIZIO DI ADDIO (2019)

Tante nicchie solitarie questo sproloquio Badato dalle sfingi tardive speranze Scalze. Mia madre se ne andò Con le preghiere in gola nel mormorio Dei gatti nel cortile. Digiuno l’altare Fato fatuo. Breve attesa la rincorre La mia vita assalita dalle ceneri. Addosso alla ragione di capire Si disfa il mappamondo …