MICHAUX e altre cose (94-95)

8 chiudo un occhio – sputacchio. me la rido di me – così imparo. ecco qui l’ennesima domenica. noiosa come una guida pratica. nell’acquaio le posate parolttano di pioggia di carrozze e di conventi. a che servono la schiuma e le bugie? e che servono le pagaie? io sono uno …

MICHAUX e altre cose (94-95)

6 la pioggia che scivola nella memoria o sul silenzio pericolante del presagio è la stessa che scendeva, impazzita sullo sguardo ammorbato dell’attesa le lacrime di una primavera perduta sui vetri incrinati di quella finestra chiusa

MICHAUX e altre cose (94-95)

5 padri di carta accartocciati nella pigrizia del lavandino le voci scritte l’hanno fatta a mollo. le parole sono piene di cadaveri prima di romperle sappiatelo  

MICHAUX e altre cose (94-95)

4 la forbice sanguina aggrappata al dito più tagliente in anticamera la pozzanghera si arrampica sullo specchio sul gregge che bela nel sorriso sulla fronte per un pelo c’è un apostrofo mi dia retta?! una voce si chiude lui è strabico nel latte nelle lacrime inciampa sulle sagome degli uccisi …

MICHAUX e altre cose (94-95)

3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. pezzetti assaggiati di vecchi paesaggi zoppicavano abbracciati ad oggetti svitati.    

MICHAUX e altre cose (94-95)

2   alice è cambiata è diventa ta una matita colorata. una pozza d’acqua. una mela malata. obliqua e stregata disegnata da un graffio una risata le dorme sulla guancia. una rondine incantata sulla dissacrata sindone.

EDUCAZIONE CLINICA

quando eravamo giovani avevamo le nuvole tra i piedi i cazzi spinosi e le mani gonfie di desiderio ma niente serviva a niente tutto sembrava finito l’inizio coincideva con l’inizio ma la fine era senza fine

MICHAUX e altre cose (94-95)

1   ho i capelli dell’acqua sugli occhi. nuvole e battaglie sono ferme nello sputo. lo specchio è un guardiano di grilli. con zampe di vetro scancella gli sguardi indiscreti. riflette soltanto i ricordi esasperati. un tronco con una freccia senza cuore.

NEO

Le mani grosse e rosse. I denti azzurri e cadenti. Negli occhi sfaceli barocchi.   Commento al testo Un giubotto di renna. Un cappotto di cammello. Un braccialetto di elefante. Un collo di ermellino. Un occhio di lince. Due scarpe di coccodrillo. Un piede di porco. Un culo di scimmia. …