LE DUE SIGNORE

una passeggiata tra 91 e 96 anni movimenti lenti incollano l’aria a carezze funamboliche da mani ossute viottoli pietrosi fuori squadra costellate da macchie solari le due facce una fitta rete di comunicazione si capiscono in volo inseguendo fatui discorsi urla senza bocca si dividono la cura delle necessità interrotta …

L’ANDIRIVIENI

il vento sfoglia il libro sul grembo il mento sul petto le mani forano il vuoto la poltrona di vimini regge il gioco soppesa i racconti del libro soppesa il corpo il dondolio delle braccia la donna guarda l’andirivieni delle pagine il corpo sempre più assente esaspera la postura si …

OH

torna dall’Egitto un dattero succoso lei è bella lo carezza con lo sgardo ha paura di toccarlo paura che possa non essere vero i figli spacchettano i regali lei nella bolla d’aria la carezza la mano nella mano si allontanano gli ” oh ” dei bambini

LETTURA SCRITTURA VISIONI

lettura scrittura visioni parole che ti guardano ti respirano ti macinano l’unasull’altraprimadell’altradopodell’una la sorpresa Francesco istillava curiosità gioia pazienza per la parola scritta da cambiare aggiungere stravolgere il tessuto vestiva l’idea in letargo nello spazio-tempo vestiva l’idea che passava per caso la faceva parlare ridere viaggiare sorprendeva l’autore si arrabbiava …

URLO 3

dalla finestra il pesco si sfoglia nel silenzio immerso nella vita senza tatto petali segni di assenza si adagiano sull’erba macchiata di primavera coperta per corpi invisibili lontani da una carezza un urlo sordo da ogni filo d’erba al tocco del petalo rosa

URLO 2

l’immagine la precede passo passo la segue ticchettio di note taglienti dentro di sé nidifica un urlo persistente gioca a nascondino appare l’immagine scompare l’urlo che rincorre l’immagine che rincorre l’urlo non può cacciarli non può tacitarli lui l’immagine lei l’urlo

URLO 1

quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta il silenzio musicato dallo scricchiolio di passi sul secco pietrisco lei si irrigidisce spalle al muro una porta appesa alla paura si chiude su sé stessa respira nella coppa delle …

PESCO AL FONDO AL FONDO TROVO

sepolta dal vivo già  morta disconnetto lo spago dal pacco traslocato dimenticato per anni pesco a fondo al fondo trovo una bambolina di ceramica giapponese senza braccia una borsetta di seta azzurra colma di bottoni gioiello un sacchetto di tela di lino macchiato di tempo pieno di testoline di razze …

BRUCIANDO IL SORRISO

avanza con fatica abbracciato alla sua  giacca di velluto il vento gli cambia la pettinatura intrufola i capelli nella barba intreccia la barba con i capelli guadagna la casa libera un profondo respiro si sorride allo specchio compiaciuto del nuovo assetto il fruscio del canneto frustato dal vento gli solletica …

COMPAGNEROS

compagneros la nuvola del  peto inatteso circuisce il naso l’oltrepassa sospinta da un cirro nemicoamico scivola senza un programma un sospiro profondo la scompone musiche si accavallano frastornano le acciuffavamo per i denti ridevamo abbagliandoci senza rughe scrollando le spalle in testa nella fumosità dell’aria depositando idee movenze ghiribizzi panelle …