DALLANELLA

Uscire dalla cerchia Dalla fotografia della fotografia Della gallina che becca Dalla bambola di pezza Tra le ovaiole all’aria aperta  

CHE VUOLE ANCORA QUELLA MOSCA

Tantissime lune passate Continua a intrufolarsi Tra lui e me Mi osserva dal cuscino bianco Dove lui bianco è ramingo nella notte Sulla sua testa lo coccola Gli dipinge sopra Colorati scenari rococò Di getto poi sulla mia testa Nell’acquitrino del canneto Dove l’aria si smussa I rumori ronzano Dove …

HO DORMITO CON UNA MOSCA

Ho dormito con una mosca Non invitata Sul cuscino bianco Accanto la mia testa Mi osserva discreta Poi a spasso in bagno alla finestra Sulla mia testa Un bacio una carezza Di nuovo sul cuscino Tra me e lui Silenziosa, nera

IL MATTINO SENZA PREAVVISO

Le mani affogate nella melma necessaria come l’olio i vermi della radura sfaccendati i funghi spopolano sfidando gli architetti del pianeta che battono tappeti contro le ringhiere dei balconi occhi indiscreti sbirciano la vita dirimpettaia la tranciano l’omino si sperimenta sul marciapiedi non guarda corre corre insegue i suoi piedi …

CANTILENA PER MALEFICI

Il sogno langue nel sangue Nel battito di farfalla fagocita esangue Il ladro pingue che grugna Nella palude che esala sapori E nel sogno si ungue Scalpita in lazzi e frizzi Attizza ciò che guizza Sul confine dove scappa E le cose scaglia E nell’aria ritaglia La lucertola che sulla …

CHE FATE

Due donne canute Ottantanove Novantacinque Occhi spenti Fessure di prato Affollate di chimere Luce di bastone bianco Due donne sedute Su sedie centenarie All’angolo della strada Dove il sole abbatte Il loro freddo Un passante Che fate Sorde rispondono Guardiamo la giornata che passa

IN BELLAVISTA

In bellavista capelli in vetrina. L’uomo calvo si gratta la testa con sforzo. Sembrano trufoli le dita sino ai capillari. Un passo avanti uno indietro. Dirige lo sguardo a una porta. La vecchia campanella non sbatacchia, si trufola avanti un passo indietro un passo avanti. Passo sopra passo, passo sotto …

STANOTTE HO DORMITO

stanotte ho dormito sul letto della mia infanzia ho sentito il profumo della mia pelle mi sono pentita di essere andata avanti

AFFERRA LE SUE PAROLE

Afferra le sue parole Con le lebbra serrate Umide allertate pronte Esamina i dettagli Le crepe infinite Bolizza Oggi spacca le parole Reseca i significati oscuri Lima le intenzioni La muffa verdegiallo Infila la chiave Mette al sicuro le parole I segnali fumosi Dell’angolo nord L’accoglienza sottostà alle regole del …

LA RAGIONE DEI TUFF

I fichi cadono senza preavviso Lo splash sull’erba Non uno splash ma un tuff Tanti fichi tanti tuff Il naso creatore di immagini Preannuncia autunno L’agguato delle onde alla ficaia La ragione dei tuff Le stagioni si scornano L’estate tracolla Quest’anno la peggio L’autunno sovrasta Fatica a difendersi Dai tuff …