* * *

Al volante delle mie speranze (e ciascuna è un’automobile sportiva), io sfreccio imp(r)udente e per troppo entusiasmo non comando a dovere la forza del motore. Anzi da essa mi lascio comandare. Così alla prima svolta de-raglio come un asino che dell’arte di guidare nulla sappia o riesca ad imparare. Sempre …

* * *

Gordon Pym. Subdole, ambigue e doppiogiochiste (ti portano a destra, ma anche a sinistra; ti mandano avanti, ma pure all’indietro) s’accaniscono le strade intorno ai miei pensieri, investendo le mie idee. Meglio, allora, imboccare il cielo.

* * *

Eviterò i nazi-bifolchi di provincia. Ma per quale via? Sembro un condor, io credo, mentre accovacciato sui bastioni del tempo osservo dall’alto le strade scolpite o impresse nella terra, come incarniti o graffiati nella roccia erano i geroglifici di Arturo Gordon Pym. Subdole, ambigue e doppiogiochiste (ti portano a destra, …

* * *

Deciso a morire quella sera stessa, chiuse il bigliettino con la parola “addio”. Ma spinto dalla sua natura di scrittore, e soprattutto d’ossessivo-compulsivo, prima d’afferrare la pistola iniziò, meccanicamente, a rileggere e rimanere scontento. Così, a furia di correzioni, il bigliettino divenne un racconto, già prima dell’alba; e poi pian …

* * *

Cariche di adrenalina mi esplodevano nel sangue: erano bombe di profondità. O quasi, almeno. Come i sentimenti non autorizzati in genere, nel frattempo la notte infuriava davanti alla finestra. E nacque così il mio sistema nervoso: ogni neurone, una perla avviluppatasi ad un frammento di rabbia. Per isolarlo. Neutralizzarlo.

AL MONDO

Al mondo esistono persone che non sanno più distinguere fra vero e falso: ecco perché indossano il proprio volto (quello autentico) sulla quotidiana maschera sociale.

NELLE VENE

Nelle vene m’installo un liquido allucinogeno, che mi suggerisce proprio ora una notizia-bomba, in esplosiva per voi: i corvi sono pipistrelli diurni, nei film dell’orrore. E considerando che da una vita di partenza un esercito schizofrenico mosse compatto, come un sol uomo, sino alle mura del fato –per poi gridare …

NON PER ASSENZA D’ARIA

Non è per l’assenza d’aria dall’atmosfera in là, potrei dirti: se non riusciamo a sentire i rumori del cosmo, è solo perché il cielo è insonorizzato dalle nubi (che infatti a molti sembrano batuffoli d’ovatta). Potrei dirti che i miei racconti son così originali, come testi letterari, che in realtà …

LANCIANDO UN GRIDO

  Lanciando un grido d’attenzione, io esclamo un giorno sì e uno no (vale a dire spesso sì e spesso no): «Maledetti bastardi, sono uno di me, non certo di voi!».