5 BERLIN

19 ottbr     i piedi freddi. diarrea.   notte 17-18 freddo. anche in accappatoio beige.   notte fredda.   diarrea.   …………….   intossicazione?   forse. il caffè non basta.   mi agito a letto. così mi alzo. cammino per la casa ma piano.

4 BERLIN

18 ottbr     un cane inverte la direzione. zero fluidità della cosa – si sposta in fretta. auto da una luce a un’altra.   rami bassi e tigli carichi di colore i castagni che perdono i frutti – pop – con un tonfo.   i tigli hanno un colore …

3 BERLIN

17 ottbr     dal finestrino campanile, prefabbricati. parti senza niente. verde giallo. certi punti fiammeggiano.   chiese sottili di mattoni. bella vista dal treno   un ragazzo grida alla porta. sputa nel cestino – allegro.   i bambini parlano con difficoltà agli adulti.   la bambina che si gira …

2 BERLIN

16 ottbr     il locale ha il soffitto alto – mi spiega i. che le cassette sic degli operai ddr erano ricercate. che hanno soffitti così bassi. eppure ricercate. architetture naziste staliniste in karl marx str. verso potsdam. mentre parla mangio ogni tanto un boccone. appena seduto gli hanno …

1 BERLIN

15 ottbr     riposo non sonno. prima luce – impressione del sole continua. un po’ di luce. poco rumore. senso di riposo.   piove questa volta –   lungo giro – lungo giro. tutto per la foto a un kein sotto il ponte di mattoni.     le statue …

(E’ FUORI DAL TESTO COSI’?)

la funzione metalinguistica permette a un linguaggio naturale di essere usato come codice per la descrizione del linguaggio stesso   metalinguistico è ciò che va oltre l’ambito della struttura della lingua, si dice di quegli ambiti in cui il fatto linguistico è argomento valido e fondamentale per questioni di altro …

VENEZIA 2007

una volta sono andato a venezia alla notte bianca dopo cento giorni di spettacoli in onore di j. beuys, in difesa della natura, rimboschimento del mondo, riscoperta della natura fino alla costruzione di una macchina per separare il grano dal loglio, lunga centrifuga a cestelli dentro un’armatura di legno. è …

GAMBERO

il gambero di fiume dalle corte zampe risale il canneto che fa sponda al fiume – un passo furtivo un voltarsi

PASSERO

un passero perfeziona il suono di un linguaggio cifrato pruno susino tiglio che confonde l’odore trattengono il passaggio di una frase su una nota è il dito che batte un tasto

MERLO

si alza in volo nel cielo che si presta al suo intelletto vorrei che fossi umano senza becco se vuoi parlare il merlo vola via non ha parole trilla il dispetto l’allegria