IL PROFETA DELLE PERIFERIE (9)

Gli incantesimi ottici si moltiplicavano e i ragazzi sbandavano, sballavano, molti correvano appresso alle immagini incantatrici, alcuni cadevano e si ferivano… Il Profeta li incitava con voce frustante: quelle sono le proiezioni dei vostri più facili desideri, sono le prove della vostra fragilità… mondate le latrine del vostro cuore, ripulite …

IL PROFETA DELLA PERIFERIE (8)

  Stephano, li condusse, allora, ad affrontare il Deserto delle Tentazioni, l’immensa distesa di un lago di sale disseccato battuto da un sole implacabile. Sette giorni di aspra attraversata, tormentati dal caldo, dalle mosche, dalla sete, dai morsi torcibudella, dalle piaghe ai piedi… e assediati da cento e cento miraggi, …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (7)

E fu così che il Profeta, lasciate le ultime zone abitate, li guidò verso il Monte dello Spavento, ad arrampicarsi sulle pendici di una tenebrosa Montagna Calva, in un clima di tregenda, tra venti di tempesta che fischiavano e ululavano. Un’ascesa infame, ingrata e in cima alla Montagna, lì dove …

ONIRICA MISSIVA

Era come un sogno, Francesco… Un bruciore intenso. Secondo un lampo di pallaveloce. Mi ritrovai a volare su un deserto calcinato, nel mero azzurro di una solitudine purissima. Photoflashes abbacinanti come autoscatti dai colori iperreali. Una bella sensazione di assenza di peso. Voglia di stare in alto. Imbevuto di luce …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (6)

Prontamente intervenivano, quindi, le autorità in divisa, questurini e carabiñeros che intimavano: i permessi, dove stanno i permessi? Chi ha autorizzato questo corteo? Che cos’è questo casino e questa anarchia? Fermatevi in nome della Legge. Scioglietevi in nome dell’Onnipotente, dello Stato, della Famiglia e del Mercato… Ma i ragazzi tenennero …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (5)

Il viaggio si dimostrò immediatamente tutt’altro che una passeggiata rose & fiori. I signori delle città e dei paesi che l’esercito dei piccoli straccioni attraversava, mendicando cibo e sostegno, non capivano, alcuni ostentavano un plateale fastidio, altri apparivano aggressi-vamente disgustati, molti li deridevano sprezzanti, altri semplicemente li insultavano: stupidi bambini, …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (4)

Il Profeta delle Periferie si mise, così, alla testa del suo popolo, una folla peregrinante di reietti col sorriso sbocciato nell’anima che imboccò cantando la strada-dove-non-ci-si-stanca. La vera bussola è dentro di noi, aveva proclamato il Profeta e loro camminavano leggeri, quasi festanti. Nel pueblo dei ragazzi in movimento si …

COUPLETS PANDEMICI SCIOLTI

Si esce ormai di rado dalla propria stanza Si cammina in strada tenendoci a debita distanza   Dai balconi dirompe un sonoro, patriottico flash-mob Si esorcizza la paura con le note di una canzone pop   Ci si trastulla con il pensare positivo Slogan che funziona finché si può dire: …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)

Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio per trovare una nuova vita… bisogna andare a Sud… anzi al Sud di ogni Sud… arriveremo in un luogo davanti al mare… se ce lo saremo meritato, se avremo mantenuta …

IL PROFETA DELLE PERIFERIE (2)

Il Profeta delle Periferie chiamò infatti a sé il suo popolo, il popolo delle periferie: cioè la sottohumanità dei ragazzi-topi, dei bambini-talpa, dei fanciulli randagi che accorsero in massa, strisciando fuori dalle discariche malodoranti, dalle bidonvilles nauseabonde, dalle tristi baracche senza porte e senza luce, dagli allucinanti giacigli ai margini …