CANZONI (6)

tra i dischi del nonno la colonna sonora di Nashville lo stesso film citato alla laurea E. A. Poe poetica del concludere o l’estetica del concluso un fermo immagine della copertina colorata del vinile intatto nuovo la scritta in misura locandina del film che non ho visto ma mi dissero …

CANZONI (5)

Sei in una divisa di ruvido panno grigio-verde obbligo di svegliarsi all’alba e forte con lo zaino in spalla marciare per chilometri mangiare dentro una gavetta di ferro dormire insieme a quaranta corpi estranei di operai impiegati contadini papà in canottiera e mutande che russano sudano ronfano

CANZONI (4)

sinistre deformità si muovono tra le miserie arcaiche in una ridondanza melodiosa che ama esibirsi prima ancora di fare memoria della vicenda e si può fare di meglio nel sentire di più lontani dalle convenzioni morali ma nel contempo socialmente utili e se volessimo etici

CANZONI (3)

un bicchiere e una bottiglia di latte col collo largo chiuso con la stagnola poggiati sul piano della cattedra contro il muro chiaro dell’aula  tra una lezione e l’altra trascura il bicchiere e prende il latte a sorsate direttamente dalla bottiglia stappa e tappa con cura pallido alto segaligno un …

CANZONI (2)

sostiene l’artista conferma la volubilità  dell’allontanato e confronta circostanze nella  sorte comune conforta considerando l’una e l’altra rotta  prima lei convivente e poi la moglie messe via  in quattro lustri e ora in mostra corpi che galleggiano nella polvere facce sghembe membra spezzate nell’idea che l’innocenza coincida nell’abbandono e in …

CANZONI (1)

un drone vola sui grandi prati verdi Gianni Morandi canta fuori campo in ogni casa e nelle stanze sopra il letto nel salotto e nel bagno il poster del cantante faccia da giovanotto sicuro naturale armonico soddisfatto gioioso degli effetti melodiosi in un puro abbandono di se stesso come dire …

(capitolo quarantacinquesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

Stasera è Sasà che gira tra i tavoli e ci sarà lo spettacolo del barman acrobatico Gimmi. L’architetto è contrariato.  Alticcio con larghi gesti d’insofferenza, mi invita a sedere. Amanda è andata via. Stamattina l’ha vista al balcone. Di traverso, dal marciapiede, dove pro forma controllava cassonetti e chiusini. Amanda, …

SCORPORARE

Mi aggiornano amici figli amici dei miei figli e un’amica della madre dell’amico dei miei figli con passaggi d’urgenza anche al cinema si sta con fuochi fatui a conforto nella prudenza del sapere il gioco nulla è al caso meglio fermarsi all’antefatto la trama è facile il rebus è fuori …

(capitolo quarantaquattresimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

– Non tutto si può verificare e molti fatti considerati certi sono inventati. I fatti si possono riportare deformati o modificati nel contesto.  Una opinione autorevole si può giocare contro una maggioranza sprovveduta. Due opinioni deboli in antitesi servono per alimentare i discorsi. – Mentre parla guarda intorno. La scrivania …

ON LINE

kalaoche karaoke errori mattutini righe quadretti carta matite ottici solitari farmacie mercati  fattorini parenti passeggiare terrazze off  elicotteri online droni da spiaggia * full time dei tempi andati e persi ammazza durè timeline di scarso slancio tempi morti tra il dire e il fare postmediale morgana screen scorporare * ai …