ASCIUTTA E SECCA VOCE

Asciutta e secca voce a notte, rara, basta all’avara immersione nella fonte, frattanto che si guada la fiumara, il letto immenso al sole, l’acheronte.

TERREA GIULIANA

Terrea giuliana e corona obesa di colline – non è deserto ma una folla infinita d’anime-foglie e felci senza confine, di muschio vellutato – di quell’unica vita.     (da SIMULACRI O TEATRI, inediti)

EVOCO O SPUNTO

Evoco o spunto il libro della febbre, padre che guardi asciutto all’oltremondo, il brivido, ora altrove, delle minute erbe, da cuocerci, col sale, un pane tondo.     (da SIMULACRI O TEATRI, inediti)

CIRCE E CIRCENSE

Circe e circense da allora possiede, un motto oscuro alla bestiola incanta le voglie in salita, le lastimate prede, c’è da saltare il fosso, e il porco canta.     (da SIMULACRI O TEATRI, inediti)

SE PESANTE E’ LA TERRA

Se pesante è la terra, ne è segno la pesantezza del passo del prete zoppo – ci guarda e pronuncia che anche la volta celeste ci grava, anche troppo.       (da SIMULACRI O TEATRI, inediti)

AI MIEI CANCELLI

Ai miei cancelli ringhiano quei cani che ieri dominavano nei vicoli – sono per sempre cani del domani, sangue che mi disperse in mille rivoli.       (da SIMULACRI O TEATRI, inediti)

ANIMA CACCIAVENTO (14)

L’anima del cacciavento, all’occhio della terra delle prede, Rapace sine pietate tinnisce si pasce Simula movimenti dell’aria come una fede Al volo immemore dei boschi anzi le asce

ANIMA CACCIAVENTO (13)

Chi è costui se non la mosca Non solo cocchiera, faccendiera, Nella comarca e cosca, Che briga per Caronte mane e sera?

ANIMA CACCIAVENTO (12)

In fondo sempre quelli i protocolli: Volgere gli occhi da un’alba ad un tramonto, Da uno Stretto di mari alla Montagna, ai colli – Il resto è apparecchiare, far di conto.

ANIMA CACCIAVENTO (11)

Non si può, oltre la voce muta, che scrivere ambasciate a canto e scanto, ambasciate d’amore onde sia sia, antenna sopra mari, vita-città perduta o pianura che nasconda il vento.