HO SETTE ANNI

Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali ho due grandi orecchini a cerchio. Mi scuoto, me ne andrei. Il dottore mi afferra gli avambracci e me li blocca sulla scrivania. Non posso muovermi. Senza fiato, ho paura. …

VIII)

loro mi spogliano giocando e ridendo io mi sbuccio le ginocchia, io mi faccio crescere i denti gli infermieri parlano un’altra lingua io mi infilo un filo di ferro in gola     non sapevo dove mettere le braccia      Sto per entrare in sala operatoria: “a voi che …

VII)

«Il possessore di una cosa è colui che la tiene effettivamente in suo potere»[i] [i] Fleur Jaeggy

VI)

Quando tutto sarà finito tutto ricomincerà daccapo, amore.   descrive il movimento delle statue nei parchi. Le ombre delle ciglia, delle palpebre, del mento, delle mani, il muschio, si spostano. Il sangue nelle vene di marmo. (L’anestesia. 12 luglio 2021)

V)

Piscine, Ghirri.   Indiani, cinesi e minorati. Non stanno in piedi, non sanno camminare, nuotare. La musica salta dagli altoparlanti. Io mi stanco subito. Forse qualcuno era felice in questo posto. L’odore del fumo della sigaretta. Bere e scrivere. Forse qualcuno era capace di pensare.

IV)

Quali storie avrebbero da raccontare gli specchi della mia casa.

III)

Per troppo tempo ho vissuto ciò che non esiste.   L’estate è finita c’era una donna prima, nella casa vicina. Se mi strappassi tutti i capelli. I denti cariati. Le unghie. Qualche ciliegia per cena.

II)

Vorrei diluirmi in un bicchier d’acqua. Quelle lucine   invece di farlo con le mani lo faccio con gli occhi.

I)

Siamo ormeggiati all’inglese. Io sono in testa d’albero, la bambina sopraccoperta, e lui è al timone. Inizia a far roteare la barca, ma non tocchiamo il pontile, non capisco per quale motivo stia facendo questa manovra; io e la bambina cadremo in mare, stiamo per cadere.

CINQUE POESIE (6)

i. per tutta la notte la palla ha rimbalzato nel corridoio, non c’era nessuno a lanciarla, mi svegliavo per lo spavento, e appena mi riaddormentavo tornava ii. non ho mai scritto una riga le ho dimenticate tutte