DIARIO DELL’UOMO SENSIBILE

Per Ogle l’autunno inizia ogni mattina alle 7. Nuvole di cobalto passano su cieli color dromedario, e Ogle strofina sulle labbra un rossetto nero. Considerato, però, che nella sua testa un’ora dura una ventina di giorni, alle 13 su di lei già arriva l’inverno. Nuvole aerobiche entrano in cieli del …

LE MOLTE PIANTE

Jebnoun Ben Azouz ha tre vite: una è la vita di Aida Rachida, una, la vita di Radia Ben Abdallah, una, la vita di Fayzouza Cherif. Jebnoun Ben Azouz ha tre denti: uno è un molare di Aida Rachida, uno, un canino di Radia Ben Abdallah, uno, l’incisivo sinistro di …

DA FRANCESCO PER GAETANO ALTOPIANO

(Scritto da Francesco Gambaro per la presentazione di un libro di Gaetano Altopiano)     Con Gaetano Altopiano ci vediamo spesso. Lui passa la mattina dal posto dove lavoro. Telefona, scendo e ci vediamo al bar. Al bar lui di solito ordina un caffè e ne beve mezzo. Io una …

I MOLTI FIORI

Prima di cena la signora moglie ci mostra una pietra che arriva direttamente da Singapore: riesce ad assorbire tutta la luce che cattura dando un’esperienza straordinaria.  Noi ci chiniamo e osserviamo: dal cupo bagliore che emana spuntano all’improvviso forme strane, squali e millepiedi, polpi e esseri umani. Ci mettiamo a …

NOTTURNO N26

La più piccola romena di Cluj-Napoca ha da poco compiuto sei ore. Quando canta l’intero reparto maternità si ferma per ordine del primario: sboccia una stella alpina sulle Dolomiti, volano razzi e bombette sui cieli di Trieste e di Belluno, sulla luna l’orologio segna le ventotto e qualcosa. Si chiama …

COSÌ LA SCIENZA OCCIDENTALE

Il gendarme Jacques Rochon du Bagnolet, in servizio alla gendarmeria del 18° arrondissement sulla rive droite, convocato a teste nel processo Dejuinier – Mourier, alle 12:45 rispondeva al pubblico ministero: ho scortato la signora dalla sua abitazione, ma il suono di questa parola mi fa pensare a un uccello; la …

LE MELE

Ha scoperto il suo vero padre a sessant’anni. E la sua vera madre, la sua vera sorella, i suoi veri fratelli. E la sua vera casa, il suo vero giardino, il suo vero lavoro. E la sua vera macchina, il suo vero garage, i suoi veri vestiti. Persino il suo …

STORIA DELLA SIGNORA ABBIAN

Quello coi sette cervelli e i tre cuori, dicevo, oltre a tante altre cose curiose, ama i percorsi accidentati e le strade tortuose – e non disdegna ciò che ogni persona cercherebbe di evitare: le scale più ripide o i tragitti trafficati. Potrebbe prendere da via Boccaccio, per esempio, e …

MARIANOPOLI SCALA NUOVA

Uno con sette cervelli e tre cuori prepara un Americano alla moglie. La donna lancia carte da gioco che regolarmente cadono di taglio rimanendo dritte sul pavimento.  A me, che, di sicuro non posso essere loro figlio, capita questo: seduto al tavolo della cucina aspetto portino quello che hanno preparato. …

I COCCODRILLI

Nella speranza di riuscire a decifrare i numeri col naso, di mantenere i piedi chiusi con le piante aperte o di vedere con le orecchie senza bisogno di occhiali, la seconda persona singolare del verbo Partire (tempo presente modo indicativo) passa per i tre stadi della trasformazione prescritti dalla pratica. …