AMORI FOTOVOLTAICI

Grazia è come una coperta soffice mentre mi nascondo nell’ astrolabio che sutura ferite di altri mondi quelli che mi appartennero per brevi stagioni salmodianti eppure rugiadose di tenerezze e/o abbandoni per cui le infinite dissolvenze servono a scardinare gli anfratti opachi quando il fragore era negli occhi non miei …

LACRIME COLOR CICLAMINO

quando c’era la guerra io ballavo il tango con Nefertiti che però misurava l’ estensione delle pianure con l’ impertinenza delle eclissi degli amori postmoderni

INNOCENTI REPULSIONI

è ovvio che Giasone avesse una puntigliosa devozione per le labbra umettate di Lisistrata ma il poeta non gradiva questa esposizione così maiuscola e quindi cominciò a tormentare gli endecasillabi per decifrare alcuni recessi quelli soprattutto partoriti dagli asmatici custodi delle virtù deflorate con convinzione

CANZONI SENZA GLUTINE

insisto devi venire con me nel castello disincantato di Juan lo stovigliere di Bucarest che ha rapito il mio sogno di estate intera durante quel claudicante conciliabolo con l’ iscariota maledetto mestatore e importuno assai con le cortigiane di Sardanapalo ma è solo un dettaglio osservano i benpensanti di quelli …

L’AUTUNNO DELLA CRISALIDE

sbocconcellare pane e mortadella friabile e fragrante pratica lontana nel tempo è segno e sogno di immortalità sotto questo cielo innominabile e incivile di vitalità cascante eppure prossimo all’alba che inumerà i nostri dolori finalmente

LE VERGINI AFGANE

al termine del ciclo cominciato subito e terminato immediatamente mi ritrovo grasso di torpori insolubili eppure mi ero ripromesso di regalarmi candori di un’altra età ma non ha funzionato per la risibile e irresistibile leggerezza che contraddistingue i bagliori morenti

I DERVISCI DI SAMOTRACIA

accade improvvisamente che il mio amore sia mortificato da una pratica minimale e indecorosa io che su quel tormento floreale ho acquisito beatitudini altrimenti inesplorate con la gratuità che compete ai gentiluomini poco raccomadabili sebbene la loro pirateria sia esca consolatoria per le dame depauperate da un ordito iconciliabile con …

ONORA IL PADRE

farfalle sche sviolinano alla luna e non si sa il perchè eppure l’algoritmo delle beatitudini censisce 189 casi nei quali tale pratica non appartiene alle casualità insincere bensì all’ ordinario stravolgimento cosmico quello che non ti fa dormire sazio o ti squaderna la sequenza dei giorni subdolamente tu che menti …

HO INCONTRATO BECKETT

me ne sono andato a zonzo per il Belpaese che è veramente un belpaese a noi che ci piace sgattaiolare oltre il limes e debbo chiarire che ne vale sempre più la pena di arrampicarsi e poi discendere dalle sinuose alture delle parecchie e diverse baronie che diventano matrici incantate …

CASCAMI ADDOSSO O DIVA

perchè interrogarsi sul senso della morte se la morte non ha senso diceva Esculapio ai giovani manichei che gli trottavano intorno per sgomberare il camminamento dalle ramaglie di un autunno incomprensibile e incomprimibile eppure tanto atteso dopo i corposi traffici di una estate al mare alla maniera di Giuni Russo