GLI ALTRI – n.24

e io e il mio grande amico Ger che cerchiamo non sappiamo cosa. Di notte 300 all’ora lucesuiplatani (c’è un ragno morto nella vasca, mi ha detto al telefono la polly tettinedorate). Cerchiamo non sappiamo cosa zitti in silenzio 300 all’ora. Di notte. Vieni ti faccio vedere una cosa, c’ho …

GLI ALTRI – n.23

Dalby grida alla finestra mano che lo trattiene. E sputa. Moi je crois que CETTE PUTAIN DE MARINE LE PEN… E io penso che se sputa magari mi prende. E penso che la sigaretta che butta magari brucia il prato e il palazzo. Non so. E se qui tutto brucia …

GLI ALTRI – n.22

stai uscendo fuori di testa perché tua moglie sta male e tu non sai cosa fare. Gridi che è uno sballo ed io seduto in poltrona guardo le previsioni del tempo domani piove con la tua voce che sta uscendo fuori di testa perché tua moglie sta male e tu …

GLI ALTRI – n. 21

pensavo di mandarti billy insetto pallino fra la posta di domattina e di farti morire così, con billy insetto pallino che ti entra per la manica e cammina sul tuo corpo. Quando poi suonerà la domestica, non ti preoccupare. Rimani disteso sul pavimento. Lei ha le chiavi, per non disturbarti.

GLI ALTRI – n. 20

dici che il tuo ragazzo divorzierebbe se tu gli perdessi la valigia. Tu hai i baffi e anche la tua valigia ha i baffi che s’azzuffano rabbiosi se sobbalzano sull’asfalto. Ma ritorniamo a quel ‘divorzierebbe’ all’inizio della nughetta. Un lapsus, un desiderio incarnito. Ma per farti un dono d’augurio appiccico …

GLI ALTRI – n.19

hai una striscia del mio sangue sul tuo guanto. Sei arrivata alla polpa. Sai, io per le feste sono un po’ depressa, dici, tutte queste stragi nel mondo in tv. E io invece ti vorrei prestare un kalashnikov per andare in giro stasera e sparare a qualcuno, non so, mentre …

GLI ALTRI – n.18

ti ho conosciuto col phone sparato sui piedi. Per asciugarli, dopo la doccia. Adesso ti rivedo e il phone è sparato sull’uccello. In palestra. Mi racconti la tua storia, mitico Oreste, che lei è una stronza che non ti fa vedere tua figlia, ma non poteva andare avanti e io …

GLI ALTRI – n.17

videoteca 2015 Torino maggio fiorito (la polly l’ho mandata al bar della Gam a comprarsi le caramelle). Craniolucente sciaboletto pungente, parliamo parole difficili. Dentro un video anni Duemila. Settesecondi per chiudere la nughetta – sposta la testa, non vedo! (sei), – c’hai Delly lumaca sul monitor (cinque), – mi fai …

GLI ALTRI – n.16

ti ho trovato imbruttita e così ho avuto piacere di parlarti. Dopo tanto. Mentre ti guardavo imbruttita, risentivo la pelle della schiena appiccicata allo sportello rovente nel deserto di almeno dieci anni prima. Tu che mi dicevi leo, che ci sarà dopo questo? Dopo almeno dieci anni ci sei tu, …

GLI ALTRI – n.15

mentre me lo chiedevi, pensavo che ti era passato un camion sopra la faccia o che dopo esserti pettinata avevi usato la pialla. Stamattina. Allo specchio, prima del caffè (il tuo mento driblava il naso e le narici erano tubi del lavandino). Scusa, sei tu lo scrittore? Mentre me lo …