TUNISI 3

h 18

tramonto molto lento, da una parte il cielo giallo dall’altra rosa e viola. dietro di noi scuro. la terra prende il colore luminoso delle cose illuminate dai lampioni. se guardo indietro, davanti controluce, vedo la terra che riflette ultimi raggi di sole anche se la luce del tramonto ora è spenta. ci sono macchie bianche forse sabbia, ogni pianta di questa steppa, ogni rilievo prende luce e sembra illuminato dai lampioni di città.

brutta impressione di tozeur. non esiste una marrakech tunisina. forse non è qui. uomini abituati a trattare con le comitive, nessun albergatore mi ha voluto, tranne il giovane receptionist dell’hotel luce fioca sul soffitto. una porta che dà su un piccolo balcone affacciato sulla strada secondaria. una porta per il bagno, con vasca e cesso. se spengo la luce la stanza è buia. mi guardo nel piccolo specchio rotto. pallido e la barba è lunga. mi stendo, leggo la guida cerco informazioni su come uscire di qui. ci sono festival delle oasi e festival del sahara che attraggono turisti e tunisini. momento pessimo.

nella zona turistica visto negozi, esposizione di piatti in ceramica che brillano sotto i lampioni, tappeti, uomini seduti fuori, l’esposizione avviene dentro un grande spiazzo obliquo davanti al negozio. i negozi sono box con tavoli e sedie fuori. case parallelepipedo, tutto nel modo consueto.

mangiato bene in un ristorante di donne a le kef vicino alla stazione dei bus. una vecchia mi chiedeva in francese molto eccitata cosa volessi. non ci capivamo bene, era come se si aspettasse qualcosa da me. c’erano ragazze in cucina e una ragazza mi serviva, alta, bella. la vecchia mi trattava con grande riguardo. ho pensato che forse credeva fossi uno scrittore di guide. consultavo una lonely a tavola. tavola coperta di incerata a disegni. servita una zuppa, ciorba suona in arabo, rossa di fagioli, piena di aglio. un piatto di patatine, un’insalata che ho visto portare a un uomo ma insieme a insalata mi viene portata omelette croccante e molto sottile. tre dinari tutto quanto.

visti viaggiatori, famiglie, un giapponese forse solo come me, uomini di mezza età con le loro compagne, mogli, fidanzate. nessun viso interessante. passato accanto alla palmeraie, sentito freddo come accanto a un bosco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

VITA DI LUCULLO SOTTO CECILIA METELLA
In uno dei brani pubblicati da “ Il Cucchiaio nell’orecchio” in data 29 maggio 2021 – Gli Istrici, di Gaetano Read more.
AI FANTASMI 8: STAZIONE&TRENI
stazione ferrovia segnali protezione partenze arrivi merci spedizione ricevimento scambio rotabili convogli di transito di testa servizio viaggiatori   treno traino Read more.
LO SFRATTO SENZA PREAVVISO
… e venne il ragno lupo vestito da presidente, che dalle foglie di violino passò al dittico della pittrice, peloso Read more.
ALTRI FRAMMENTI (17)
un altro diversivo alle ordinarie occupazioni è il sostare davanti le fermate dei tram fingendo di attenderne uno in arrivo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n. 48
Putrefatto sibilo Ci si sfalda in morte Cenerella la stella Per importanza fatua. Oblio a catena Partorisce aria fosforica Famelica Read more.
VARIETY (4 tempi sincopati) – 3
si scarica la batteria piena di tossine immobile salva le mezze misure perché di pazienza meccanica si tratta Read more.
19/10
Tutto trabocca e scivola via con estrema leggerezza (entrando nella stanza) Mala- gioia, quasi il cuore si spezzasse in due, Read more.
AL MONDO
Al mondo esistono persone che non sanno più distinguere fra vero e falso: ecco perché indossano il proprio volto (quello Read more.
IN POMERIGGI ASSOLATI
In pomeriggi assolati d’ombre corte, bui cameroni conservano l’istante e rintoccano servizi d’ore morte, nel fresco dormiveglia dell’infante. Read more.