LA COGLIE

La coglie La schiena contro il tronco I rami scossi Le foglie tremanti La fuga degli uccelli L’urlo di piacere Mette in fuga il maiale Che tra le mele sotto il melo Grugnisce alla sua mela

DI UN CENTIMETRO AL GIORNO

stanotte ho dormito sul letto della mia infanzia ho sentito il profumo della mia pelle mi sono pentita di essere andata avanti di avere tagliuzzato rami ricchi di foglie dondolavano al vento la paura cresce di un centimetro al giorno

DOVE SONO GLI ALTRI

Stanotte senza gli altri Sul marciapiedi Sotto i piedi rumori sconosciuti Un ronzio meccanico In testa senza sosta Scassa il cuscino Dove sono gli altri I rubinetti chiusi Inondano le gambe Dove sono gli altri Il treno staffila le rotaie La galleria in agguato La porta è bloccata Dove sono …

ENIMMA

Sembra giochino Volano inseparabili immobili L’uno dentro l’altro Sfrigolano l’aria congiunti Negli anni ’50 a sei anni Ci informano Che stanno facendo l’amore Ma il bacio Grande enimma Perché le farfalle non si baciano

SONO ANDATI VIA

Sono andati via Via al nord al sud in America In via con rabbia speranza Portandosi la palma della piazza La barberia con i pettegolezzi Il bugigattolo del calzolaio Le scarpe rattoppate non pagate Il frantoio con olezzo d’olio vergine Il mulino con la polvere di grano Si sono portati …

SENZA SCONTI

Il sole liquefatto cola cioccolata Quaglia sulle case dolciumi variegati Il panorama è desolato è macabro è invitante Le mandibole tenaci della formica Tranciano mani senza sconti

IN VIA EMERICO AMARI

Scendo da via Emerico Amari Il suo fondoschiena Mi fermo guardo I clacson mi spingono a correre Una pistola e li sfracellerei Polverizzerei le mani che a comando Battono l’aria Scivolo e salgo Infilo corridoi e ponti La brezza mi inumidisce Lo squillo del cellulare Nella città in cui non …

LUI LA GUARDA GUARDARSI

Lui la guarda guardare Il bambino appeso ai suoi riccioli severi La mamma Su un terrapieno fiorito Le linee i rami si intrecciano La luna spaventosamente è bianca Lui la guarda guardarsi È un enorme gomitolo

IL GIGANTE DELLE OLIVE

Forse 15 giorni o 20 anni fa, un uomo alto 2 metri e 3772 centimetri, camminava. Le persone inclinavano la testa per guardarlo e non potevano smettere di guardarlo. Su ogni polpastrello delle mani, lunghe e agilissime, teneva un’oliva e, ogni tanto, oplà, rigirava le mani e le olive finivano …

IL RESTO NELLA NORMA

faccia essenziale cadenzata corpo arbustifero voce ipnotizzante frastagliata il resto nella norma descrizione fisica cerca compagna – faccia essenziale felpata corpo quattoquatto voce dogliosa tono afono il resto nella norma solo qualche eccezione difficile da individuare fuor di poppa descrizione fisica chiede compagno – faccia essenziale in contumacia corpo conseguente …