da RAPSODIE

Quando ero molto piccola alcune volte dormivo con i miei genitori:
avevo paura di svegliarmi, un giorno, e trovare intorno a me soltanto i loro scheletri.
/
guardavo le mie mani
sopra e intorno fioriscono pietre,
onde ruvide, scissure di cielo limpido.

nel cielo limpido,
sciolta una sostanza nera
d’acqua di roccia,
sorridono e curvano incubi.
così lontano!
dietro le antenne,
oltre le finestre.
così lontano..
nelle eliche e
su rumori di plastica

così lontano, senza madre, non le riconosco

:Pavor Nocturnus:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI FRAMMENTI (14)
Nell’età felice, narrata in antichi miti africani, Dio viveva con gli uomini che trascorrevano la propria esistenza senza fatica. Gli Read more.
da RAPSODIE (18)
l’infinito trascurabilmente minimo del peso superficiale d’un cubo della decima parte di un metro Read more.
SEI SOTTO SETTE DUNQUE SEI
non va bene così così non va bene la banana stanotte il tuo giusto frutto domani quali insalate consoleranno il Read more.
BENESSERE MILITANTE
Prologo Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le automobili, Read more.
IL FUMO 2 (da Favole del ’68)
per una totale autocritica ci sentivamo morti sotto seppelli cimine erano fiori renne pesciuzzi ma di dad e usvardi proprio Read more.
PER TUTTA LA MORTE
Mi dici per tutta la vita, e io come al solito positivo a tutto bottone rispondo: guarda che per tutta Read more.
CITTADINANZE
Le palme filifere hanno preso casa in via Mercatelli tra i numeri 9 e 17, ospiti nel boschetto di sambuco Read more.
REPLICHE 2 – STIGMA] [ITS
non-nominata]. [percorsa se duplicata sbiadita si danneggia in figure di filigrana proietta dal controripàro ma fuori controllo scàrto aggiunto di Read more.
SOTTO…
Sotto il pergolato della lunazione-moria I carnefici della luna-agonia Che mai ci dicono? E dicono che   Il coltello, parendo Read more.