AI MARINAI, BELLI COME CAPITANI (quando una porta non è più una porta)

i.

Dobbiamo vederci, arrivo e c’è una galleria con una permanente delle tue opere, sculture, in un’architettura scombinata Escher, si mette a nevicare in luglio.

Ceniamo, sopraccoperta, la barca beccheggia e ci cade il cibo dal piatto.

Tu sei un falco, o un’aquila. 

ii.

Condividiamo la musica, il pasto, il vino;

questa promiscuità dura poche ore

e ognuno riprende la propria rotta.

iii.

La bambina dice che io sono una farfalla spaventata. “Un sangue debole di consistenza, una linfa rosacea”.[i] Non mi sono mai vista come qualcosa di delicato.

 

Con le parole che scrivo io do il mio addio al mondo.

iv.

Ho gli occhi irritati dal sale,

la sabbia triturata tra i denti,

le ombre dense dell’isola si annidano

nello scricchiolio lieve della barca, stanotte,

la tua presenza mi ha fatta sentire sola.

 

Devo diventare aria.

v.

Abbiamo sentito arrivare i delfini

dal rumore del loro respiro.

“L’aria ha la dolcezza dei fichi maturi.” [i]

Quando mi innamoravo mettevo le radici per aria

 

(i) Alvaro Mutis

(i) G. Simenon

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.