CHIUDI GLI OCCHI – 3

Stamani quando t’ho incontrato eri fermo davanti all’internet point. Sembravi in attesa oppure eri lì per telefonare, a parte che lì i telefoni non funzionano da mesi. E poi a chi mai potrebbe telefonare uno come te?

Non mi sono fermato a guardarti, in effetti non mi sono mai fermato a guardarti. Eppure potrei dirmi il tuo Angelo: non c’è stata una volta che vedendoti (per queste strade vado sempre di corsa) non abbia avuto una domanda o un pensiero su di te. I primi tempi perché rompevi l’uniformità del paesaggio conosciuto. Più tardi eri diventato parte di quel paesaggio. Qualcuno ti chiamava “l’indiano” e ti si poteva incontrare ogni giorno in un luogo diverso. Certo, non parlavi con nessuno e non facevi male a nessuno; ma certamente non eri uno di quegli stranieri trasandati o ragazzi con lo zaino che si vedevano da tanto tempo. Tu eri tutt’altro e non tanto perché quelli sparivano presto. Se qualcuno di loro restava, si vedeva dopo un po’ che stava male e che quello non era il suo posto; cominciava a infastidire qualcuno e arrivavano i carabinieri oppure l’ambulanza. Tu eri tutt’altro, infatti era evidente, quando ti si incontrava in un posto, che non eri lì per caso, che non eri un giramondo e che quel giorno dovevi stare senz’altro lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.