PER CONTO DI LEA PITMANN

Sto camminando tra gli acquirenti di droga della casa dei miei genitori prendendo strade che non ho mai fatto. Io sono tua. Jason Mraz si fa avanti e ovviamente inizio a ballare un po’. Adoro quella canzone. Mi giro e c’è un signore più vecchio che mi osserva e si tocca le dita dei piedi. Mi sorride. Gli sorrido. Ci siamo trasferiti entrambi nella musica, così ho messo la mano fuori. L’ha presa, mi ha fatto girare nella navata. Abbiamo riso e io l’ho ringraziato per la danza, lui ha fatto lo stesso. Ora ho sistemato ogni cosa, bevo un drink, aspetto le persone nella follia del mio negozio di alimentari. Al 1214, sulla sessantesima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LE BELLE UNGHIE, LA PESCA ALLA TROTA IN AMERICA
Quando le lacrime cadono in numero superiore a cinquanta dagli occhi della signora del cieco paralitico non udente muto poliomelitico Read more.
(capitolo tredicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
Secondo il capo muratore alle sette e trenta dovrei essere già alzato, lavato e vestito pronto per assistere alla demolizione Read more.
ora che
marzo 1980 ora che il ‘sistema emotivo’ USA ha gia messo radici qui, mediterraneo 198O – ora che la differenza Read more.
alle 21 e 49
lo sapevate che ho scritto la lista della spesa più bella del quartiere? su dei petali di gelsomino l’ho scritta Read more.
Musica pittura poesia
La musica estraeva il suo collo di cigno Da un tale ensemble di gioie orchestrali. Mozart modulava un fischio di Read more.
GAME
Bisognerebbe prima di tutto concentrarsi, ma non è chiaro cosa significhi. Poche parole connesse a dei movimenti. Raggiungere l’automatismo con Read more.
IL QUALE NON HA MAI BEVUTO
Il quale, purtuttavia, continua a dire con insistenza che la cucina cinese è il top. Il quale detesta il cambio Read more.