1 NOVEMBRE

Oggi ricorre qualcosa. Non me ne frega niente. I morti, i vivi. La tradizione. Niente. Nessun romanticismo. Nessuna nostalgia. Non me ne frega niente di niente. Ho il mio demone io e non ammette deroghe.
Bussano alla porta. Non rispondo. Bussano di nuovo in codice. Sono costretto a rispondere con il pulsante elettrico. Ha la mia età, ma è quasi un cretino. Non lo stimo, non lo rispetto, annuisco continuamente perché non so cosa dirgli. Un essere umano bruciato, una funzione con una moglie e un figlio. Ma dov’è la coscienza? Non c’è, ma non serve per scopare, sposarsi fare un figlio, lavorare, spendere, stirare ecc. Non serve, basta essere quasi cretini per tutte queste cose. Lui parla, parla, perché ha paura, ha sempre paura. Ha solo paura. Non è un uomo, almeno nel senso in cui lo intendo io.
Moby Dick, mi salva, mi salva dal nulla. E poi lei, così elegante, che mi scrive prima di andare in ospedale. Dice che ha accettato la mia amicizia anche se è molto riservata. Adoro le donne riservate. Mi divido tra lei e Moby Dick. Lei si è concessa, non su internet, su quella cazzata inventata da quel coglione per vendere pubblicità. No. La accettata sul serio, perché ci siamo incontrati, poi frequentati, poi abbiamo cenato e lei è molto riservata e chiusa, come le donne sante di una volta. Ha deciso di concedersi. Adesso… possiamo parlare. La misura, la delicatezza, la grazia. Avevo dimenticato che esistessero. In un mondo in cui tutto deve essere consumato come un hamburger, con avidità, di malagrazia. La grazia, l’intelligenza, l’eleganza. Dovrebbero creare delle scuole, dei corsi di alta formazione. Una donna elegante, raffinata, pudica, che preserva la propria animalità con pudore, con riserbo e la rende inaccessibile se non per gli eletti.
La fiera in un tegumento di serici veli.
Moby Dick, incalza. Tuona Achab con una gamba sola. Un carattere di merda che nasconde una profondità… abissale.
È come nella musica, penso. Non puoi procedere a caso. Ritmo, armonia, intensità. Pause. Presto, prestissimo, lento. Adagio.
Bussano. Di nuovo. Non rispondo. Bussano in codice. Sono costretto a rispondere con il pulsante elettrico dissimulando la rabbia che vorrebbe scaraventarlo via come un sacco della spazzatura da un ponte. Cosa cazzo pensa io sia? Un cazzo di mammo, cosa cazzo vuole questo cretino da me? La poppata? Cretino. Non sa nemmeno chi sia Moby Dick. Figuriamoci Achab che ha un gamba sola e sta bello incazzato con quella balena che gli ha rovinato la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.