SCUSAMI

Quando hai chiuso la portiera della macchina con un colpo secco, avevo la gamba che sporgeva e l’hai tranciata di netto, ma non te ne sei accorta, non ci hai colpa, e neanch’io me ne sono accorto, del resto. Della gamba tranciata. Non è uscito neppure sangue, non ho provato neppure dolore. Mentre ingranavi la marcia sgommando, allo specchietto abbiamo visto l’arto che rotolava sull’asfalto, ma lo scambiammo per un copertone vagante, per una carcassa di volpe, non so. Come potevamo immaginare che fosse una gamba? Del resto, dopo un leggero prurito, il moncherino si arricchì di qualcosa come un germoglio di carne e in pochi minuti una gamba nuova cominciò a crescermi più bella e più forte di prima. Perciò non so proprio cosa mi sia preso quando mi sono trovato in tasca quel coltello a serramanico. Ti ho costretta a bloccare la macchina, appena il tempo di scendere e ciac te l’ho piantato in gola. Scusami, non so cosa mi è preso. Vedo che non sei ancora morta, ma non preoccuparti, continuo ad accoltellarti e presto sarà tutto finito. Scusami, faccio in fretta, scusascusa. Perché, vedi, sopportare l’insopportabile si può.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARTE DEL CORNO D’AFRICA E DI UN OMBELICO
Se non per gli Aironi guardabuoi. Se non per gli adolescenti che si mostrano nudi. Se non per le albicocche, Read more.
SCAFFALE 111 – 161227
Zuppa: sedano, carote, patate, rapa, pomodori, pepe, sale, curcuma, coriandolo, succo di limone (detesto il coriandolo) b Pianura russa con Read more.
VITA SOCIALE
Ho pochi amici, ma scelti con cura. Ad esempio un uomo magro, alto e pallido – lo chiamerò Filippo – Read more.
Storia di basiliche e di cattedrali (Aquileia)
Occorrono generazioni e generazioni di maestranze capaci, esperte, finissime conoscitrici degli strumenti: falegnami, scalpellini, mosaicisti, fabbri, muratori, carpentieri, intonacatori, idraulici, Read more.
53
il grafico non viene come si deve esagerare lo spostamento in fuori della curva delle interferenze la corrente coinvolge preliminarmente Read more.
da I GIORNI QUANTI (72)
Mi sembrano nuvole. E so che non lo sono. Ho conosciuto la zia Marietta. Abitava un terrazzo che dava sopra Read more.
STANZA 305
mio figlio ha la voce di mio padre da grande voglio la sua voce quando mi lascia la mano poi Read more.
MORTE NATURALE
Morte naturale – Violenta. Morte auto-indotta [Suicidio] Morte assistita [tecnologia, medico curante] Morte interiore [depresso, mistico, dipendente, operaio] Morte intellettuale Read more.
ZANGO
Si chiama Zango quella particolare mantide religiosa che al posto delle zampe anteriori ha due lunghi pennini stilografici. Dotato di Read more.