BUTTER-F-LIES

 

 

 

 

 

 

 

Butter-f-lies

Psyche, ibridi e altre bugie

 

di Alessandra Greco e Stefania Zampiga

 

 

Si tratta di un dialogo a partire da un dono da Alessandra a Stefania, di immagini/cartoline ideate da Alessandra e costruite con IA ispirandosi ai Mordançage di Jean-Pierre Sudre, ai suoi esperimenti con l’emulsione fotografica e le sue micromatières. Gli strati delle immagini di Alessandra, che fra smontaggi e ricomposizioni ampliano le percezioni di quanto ci figuriamo come natura, strati uniti, sempre nelle cartoline, all’accenno di un gioco sulla parola Butterflies già evidenziando la componente di lies e ibridazioni, ha generato un testo da parte di Stefania, di anagrammi dalla parola Butterflies, non solo dall’inglese, ma anche per una piccola parte dal tedesco e dal latino. Nella ricerca della scrittura le lettere sfarfallavano e affioravano parole come suoni, che però poi risultavano esistere anche come significati. Questo primo testo è venuto a formare, in un certo senso, una parte della ‘farfalla’, e da lì Alessandra ha intessuto una seconda parte entrando e uscendo da spettri di simmetrie. Assieme abbiamo letto ad alta voce, discusso, riadattato quanto si era prodotto sulla pagina sino al momento in cui abbiamo trovato una versione che ci incuriosisce e che resta come primo movimento di un progetto insieme, consapevoli che l’immagine si colloca a metà tra il vedere e il pensare, che il contesto influenza la percezione e viceversa. In entomologia la farfalla adulta è denominata “immagine”. Nell’interazione con l’IA, la forma di queste farfalle e l’alterazione del loro aspetto naturale, le avvicina ad immagini mentali, a un’idea di ibrido. In una dimensione in cui l’impossibile e il possibile hanno contorni sfumati, gli sfarfallii si traducono in giochi di parole e suoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARTE DEL CORNO D’AFRICA E DI UN OMBELICO
Se non per gli Aironi guardabuoi. Se non per gli adolescenti che si mostrano nudi. Se non per le albicocche, Read more.
SCAFFALE 111 – 161227
Zuppa: sedano, carote, patate, rapa, pomodori, pepe, sale, curcuma, coriandolo, succo di limone (detesto il coriandolo) b Pianura russa con Read more.
VITA SOCIALE
Ho pochi amici, ma scelti con cura. Ad esempio un uomo magro, alto e pallido – lo chiamerò Filippo – Read more.
Storia di basiliche e di cattedrali (Aquileia)
Occorrono generazioni e generazioni di maestranze capaci, esperte, finissime conoscitrici degli strumenti: falegnami, scalpellini, mosaicisti, fabbri, muratori, carpentieri, intonacatori, idraulici, Read more.
53
il grafico non viene come si deve esagerare lo spostamento in fuori della curva delle interferenze la corrente coinvolge preliminarmente Read more.
da I GIORNI QUANTI (72)
Mi sembrano nuvole. E so che non lo sono. Ho conosciuto la zia Marietta. Abitava un terrazzo che dava sopra Read more.
STANZA 305
mio figlio ha la voce di mio padre da grande voglio la sua voce quando mi lascia la mano poi Read more.
MORTE NATURALE
Morte naturale – Violenta. Morte auto-indotta [Suicidio] Morte assistita [tecnologia, medico curante] Morte interiore [depresso, mistico, dipendente, operaio] Morte intellettuale Read more.
ZANGO
Si chiama Zango quella particolare mantide religiosa che al posto delle zampe anteriori ha due lunghi pennini stilografici. Dotato di Read more.