I JIWWI’

Sono forse note al lettore, in quanto già meritevoli dei disonori della cronaca, le difficoltà incontrate da chicchessia nell’entrare in contatto con i Sentinellesi delle Andamane, che ben si sono guadagnati l’appellativo di tribù più isolata del mondo. Missionari, esploratori di varia natura e pescatori si son fino ad ora lasciati scoraggiare dalla giocosa accoglienza somministrata a colpi di frecce e sassate. Qualche manciata di morti e feriti, a quanto pare, basta a spaventare gli antropologi che, freschi degli innocui banchi delle migliori università, mal si prestano al combattimento. È pur tuttavia lecito aspettarsi che ad un certo punto, vuoi per l’avanzamento della tecnologia o dell’ambizione, vuoi per le armi primitive di cui si dotano gli indigeni, il borioso isolamento cederà sotto il colpo di maglio della scienza – e chissà quali meraviglie avremo l’opportunità di dissezionare. Forse come conseguenza di una simile presa di coscienza, i vicini Jiwwì, non appena vedono un elicottero apparire in lontananza o una barca di pescatori di frodo avvicinarsi troppo alle incontaminate spiagge dell’omonimo atollo, si scassano subitaneamente la testa contro un sasso, s’accoltellano vicendevolmente con lame di selce o ancora si gettano in mare lasciandosi annegare o lanciano dardi verso il cielo per rincorrerli e farcisi trafiggere. Frustrata così la curiosità degli etnografi, i Jiwwì parrebbero destinati a durare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I TACCHINI
Questa è la poltrona di mio cugino Miguel. E lì c’è il suo adorato Alfredo, coniglio rosso di Borgogna di Read more.
COSTA OVEST – 01
  … e tu mi accompagnavi tra i turisti e i bagnanti / spiaggiati su un lido della Costa Ovest Read more.
ALLUDO
Flutti rotti. Vetri. Incagli. Voce! “Sono il tuo pupo”. Spirale gutturale. Di pancia. “Dove mi hai messo?” – Sclerato, lacerato Read more.
SPORE – 509
la cosa, però, è finita lì. Read more.
MINIERISMO
a un tratto, era una giornata invernale, abbiamo visto uscire da sotto dei tizi sporchi di fango dappertutto mi raccontò Read more.
ESTATE ’96
Ci spalmammo l’argilla sul corpo e in pochi minuti sentimmo le giunture rigide, la pelle incrostata, era bello però avanzare Read more.
6)
dove tutto è pigro e grigio i miei occhi guardano il sole varcare la soglia – le foglie sono morte Read more.
#
succhia l’occhiello per rimbandolare il filo di pezza della bambola. succhia le mammelle. ha l’estetica del gesto, la pornografia dell’atto, Read more.
BUCHI 3.
Sei in punizione nel contorno. A volte intorno è bianco. Nella terra è più difficile è meno distinto. Nell’asfalto si Read more.