PARAFRASIA#5

fondo bianco erba rosso. solo quando il soggetto avrà percepito acusticamente l’altro indirizzargli, come un’eco, una parola che gli ritorna trasformata, rinvierà un’immagine riflessa che gli appartiene*.

 

non è mai ferma – un secondo inizio – ‘Untitled’ vs cominciamento

 

quando si riesce a sperimentare l’immaginazione delle immagini si avvicina l’invisibilità che riflessivamente fonda il passaggio

 

i sensi si ritirano progressivamente uno dentro l’altro – la possibilità di condividere/far svanire

 

l’immagine può apparire più ‘fisica’ perché richiede sempre più attenzione – si riempie di una profondità, su cui, inizialmente, si muove

 

il tutto -volendola così- intorno

 

a una striscia di periferia di, che non è quella della fotografia.  trasmuta in tutta la sua lunghezza – marea   parola  su quella che ritorna – raffronto che conviene interno – spazio o luogo di sé – che ricorda la tattilità – segnato/   sensazione per cui ogni visto frantuma

 

al tocco si è prodotto un collage emozionante – onde portate, alberi taglienti, disgrafie

 

i sensi aprono consonanze intenzionali

 

metodi per metamorfosare  il disegno lento dei piani  unificando o rimuovendo  la spaccatura se sanguina

 

può pronunciare “rosso”, sul fondo bianco dell’erba, e vederla apparire, magari un po’ in ritardo [con-sé] nella forma che tutti conosciamo Papaver rhoeas var. himerense °bianc° ostium secundum che si chiude col primo respiro

 

 

 

 

 

 

* ttps://serval.unil.ch/resource/serval:BIB_0626F5E8B0A3.P001/REF IL METODO PHOTOLANGAGE un dispositivo gruppale in psicoterapia e in ambito formativo, Giuseppe Lo Piccolo, Pietro Alfano, Claudine Vachere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARTE DEL CORNO D’AFRICA E DI UN OMBELICO
Se non per gli Aironi guardabuoi. Se non per gli adolescenti che si mostrano nudi. Se non per le albicocche, Read more.
SCAFFALE 111 – 161227
Zuppa: sedano, carote, patate, rapa, pomodori, pepe, sale, curcuma, coriandolo, succo di limone (detesto il coriandolo) b Pianura russa con Read more.
VITA SOCIALE
Ho pochi amici, ma scelti con cura. Ad esempio un uomo magro, alto e pallido – lo chiamerò Filippo – Read more.
Storia di basiliche e di cattedrali (Aquileia)
Occorrono generazioni e generazioni di maestranze capaci, esperte, finissime conoscitrici degli strumenti: falegnami, scalpellini, mosaicisti, fabbri, muratori, carpentieri, intonacatori, idraulici, Read more.
53
il grafico non viene come si deve esagerare lo spostamento in fuori della curva delle interferenze la corrente coinvolge preliminarmente Read more.
da I GIORNI QUANTI (72)
Mi sembrano nuvole. E so che non lo sono. Ho conosciuto la zia Marietta. Abitava un terrazzo che dava sopra Read more.
STANZA 305
mio figlio ha la voce di mio padre da grande voglio la sua voce quando mi lascia la mano poi Read more.
MORTE NATURALE
Morte naturale – Violenta. Morte auto-indotta [Suicidio] Morte assistita [tecnologia, medico curante] Morte interiore [depresso, mistico, dipendente, operaio] Morte intellettuale Read more.
ZANGO
Si chiama Zango quella particolare mantide religiosa che al posto delle zampe anteriori ha due lunghi pennini stilografici. Dotato di Read more.