ALCOVA DI PROVA

Netta negli scontorni

la palazzina,

ha rampe a scomparsa

pilastri a cortina bruno ocra,

future quinte di servizio;

la presidiano dimessi

pinnacoli di pioppi e palme uccise,

la cascata del salice al confronto

è languida e ridente,

un dipinto a tempera il fondale

del parco protetto

e cornice a sbalzo di pietra

il muro che lo recinge.

Complice un sole ignavo

vacilla sulle anse del vialetto,

sosta sulla proda erbosa

asciutta di tramontana

caduta a notte dal suo quadrante.

Scorcio di gran valore

per quell’agente immobiliare!

La stessa scena, contratta,

ho sottoscritto a vista

sulla piantina.

Non ha prezzo, convenni,

che nel telaio delle finestre

si faccia di ora in ora

svariata miniatura!

Vedovo di sé

un cubo bianco

mi attende sospeso

in consegna a cottimo.

Il silenzio arretra con un inchino

oltre i praticabili Innocenti

e teli di plastica come sipario,

appena un varco aperto.

Quasi nulla nell’unità:

ancora la arreda

il vuoto maestro:

che assegna i ruoli

a luci e ombre

d’esposizione.

Presto il mobilio

tutto in betulla

incastro a metraggio

senza montaggio

che bell’idea!

Agli arnesi muti

attorno al giaciglio,

residuo dei precedenti,

spente le spie pulsanti,

non è richiesta

la prestazione

un uso maldestro

non ne facciamo

pur se tentati

di far colore.

Senza corrente,

qualcuno bussa

alla porta in cartone,

il buio impreca

già minacciato,

l’onda cablata

ripiega e adultera

i led sullo schermo

in polistirolo

e la tua voce.

Gli addetti via,

Oggi rischio il collaudo:

la generale con te

neo comprimario.

Spettatori in barcaccia

due piccioni:

il collo elastico

che fruga la soglia

e sfiora il vetro

schizzato di smalto.

La scatola magica

alcova di prova

s’avvolge di luna,

sul plateau siamo noi

inquilini in tabella

l’intima frazione

che ci accatasta.

Io mi sento in trappola

era già nel copione

Ma tu mi sollevi

come una sposa

reciti a braccio

un canovaccio

in cerca d’autori

ti senti in parte

mi offri la spalla

il gesto è finzione

ma noi siamo attori

aristotelici all’uopo

Aspettiamo la prima

se il debutto promette

si replica in sede

e anche in tournéès…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARTE DEL CORNO D’AFRICA E DI UN OMBELICO
Se non per gli Aironi guardabuoi. Se non per gli adolescenti che si mostrano nudi. Se non per le albicocche, Read more.
SCAFFALE 111 – 161227
Zuppa: sedano, carote, patate, rapa, pomodori, pepe, sale, curcuma, coriandolo, succo di limone (detesto il coriandolo) b Pianura russa con Read more.
VITA SOCIALE
Ho pochi amici, ma scelti con cura. Ad esempio un uomo magro, alto e pallido – lo chiamerò Filippo – Read more.
Storia di basiliche e di cattedrali (Aquileia)
Occorrono generazioni e generazioni di maestranze capaci, esperte, finissime conoscitrici degli strumenti: falegnami, scalpellini, mosaicisti, fabbri, muratori, carpentieri, intonacatori, idraulici, Read more.
53
il grafico non viene come si deve esagerare lo spostamento in fuori della curva delle interferenze la corrente coinvolge preliminarmente Read more.
da I GIORNI QUANTI (72)
Mi sembrano nuvole. E so che non lo sono. Ho conosciuto la zia Marietta. Abitava un terrazzo che dava sopra Read more.
STANZA 305
mio figlio ha la voce di mio padre da grande voglio la sua voce quando mi lascia la mano poi Read more.
MORTE NATURALE
Morte naturale – Violenta. Morte auto-indotta [Suicidio] Morte assistita [tecnologia, medico curante] Morte interiore [depresso, mistico, dipendente, operaio] Morte intellettuale Read more.
ZANGO
Si chiama Zango quella particolare mantide religiosa che al posto delle zampe anteriori ha due lunghi pennini stilografici. Dotato di Read more.