PROUST E IL MITO

Non sottostimo Julien Gracq quando ridimensiona il mito di Marcel Proust, facendo notare che parlava soltanto di piccoli ambienti chiusi ed esclusivi di aristocratici, snob, dandy e privilegiati, per i quali il lavoro non esiste (vivendo tutti di rendita), la vita familiare ordinaria, i problemi con i figli, persino i dilemmi religiosi nemmeno. Insomma, nella Recherche si riflette il mood di una èlite laica, superba ed autoreferenziale, da ancien régime, che gli esistenzialisti del secondo dopoguerra sprezzavano, additandone l’autore come una specie di “parassita che raccontava cose che non interessavano più a nessuno”. Certo, riconosce Gracq, Proust era un genio, la narrazione che fa di quel microcosmo è indubbiamente straordinaria, però…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accampamento 1 – Gli interni assegnati
Al  km 24, al muro di testa di un volume grigio, andato in rifacimento più volte, più volte ridestinato, s’innestano Read more.
CARAPACI
Una fragranza di farina imbiancava l’aria. Fettuccine e sfoglie tese a seccare su un letto matrimoniale di strofinacci. Madama prese Read more.
da I GIORNI QUANTI (60)
L’ipotesi di stabilirmi in campagna è subito scartata. Il ventilatore mi è nemico. Cioè lo sento come il mio detrattore Read more.
N.4
dopo cena chiama me e l., venite a vedere la luna piena, è una luna gialla e larga sospesa in Read more.
45
c’erano note e le passate memorie poi giorni d’ anime nella nebbia il mondo dei morti   e grandi alberi Read more.
Walking Flames
Le fiamme parlano, senza conoscenza sono in movimento. Non dipende dal contatto, ma dalla reciproca vista di un cuore che Read more.
Archivio fotografico Tambour: veduta di Grenoble
Pendevano, ondeggiando, dalle sue orecchie bizantine cerchi e anelli   Un soffio risorgeva alle sue trombe sopra le spalle erette Read more.
DISASTRI CARBOCERAMICI
E sono ancora qua ha detto il bandolero acquiescente ma non è vero che io sia ancora qua perchè se Read more.
DIARIO DI BORDO
Stamattina, alle sei, dal ponte ho visto alcuni ragazzi rientrare dalla notte. Sono scesa sottocoperta. Fuori fa freddo, è piovuto Read more.