39

Stagione solitaria

 

Attingo al verbo – in questa veste che mi resta

 

c’è un verde indecente che ramifica a un’idea
dea del distacco che attacca un’odierna quietanza
quando tutto era benedetto da Dio in questa luce
appena sveglia – il dolce sapore di un inganno a metà
la prima foglia sul tuo petto è tenero dolore
nemmeno la solitudine dei vetri appannati di noi
che pioviamo da un’unica goccia – perché
perché forse non vorremmo che finisse

 

ti ho riservato un giorno magico, ma non morire
non morire mentre ti muoio affianco a una riva su per
la casa sotto il monte mentre sale l’odore buono alla
bocca affamata di passaggi in strada – la stessa tormentata di
rosso rosso sabbia e dammi tempo per respirarti una
consuetudine sbagliata in questa notte di fughe

 

l’odore di bruciato mi riporta a Berlino.
Berlino del freddo e caldo millenovecentonovanta – di
Brel che
non torna – non torna come me un passo dopo il
bianco
e nero sono la pagina sbagliata – dislessica con la
grammatica disperata – le scarpe al contrario e quelle
spiate di nascosto rosa a punta mai indossate
nell’inadeguatezza – un sogno infranto mentre parla la
pioggia in questa stagione solitaria.

 

Un bacio tradito al tuono dell’ultima percezione
temporale – così – mi troverò ai lati del passato
tra delusione e fatica vita morte e indifferenza

giorni incerti in questo mancato infinito – eppure
oppure volevo solo ammalarmi di te – delle
briciole nascoste ai lati del campo nella cura del
passaggio oltre la notte mentre manca quella parte
che batte ai polsi nel giaciglio – lontano tra la voce
di mio padre – il fruscio dell’albero l’odore della
pioggia – ed ho vestito precarietà di sangue e giorni
d’ombre – maschere nel raggiungere coralli dove
abita il silenzio. Fermo la mia ipotesi nell’arrendersi
del corpo tra l’idea del tramonto e una luna mancata
mentre danzo un ricordo denso d’oblio nell’azzurro del
tuo sguardo confuso – in mezzo a un confine che
invecchia

danzo e salto tra bocche d’argilla – il colore degli occhi
la natura del mare –

ed ero lì quell’ attimo raggiunto.

 

Metteremo a tacere l’inverno col suo passo giunto
e una libellula da disegnare

 

 

da KHAMSIN – frammenti di scrittura – Marco Saya edizioni, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCAFFALE 108 – 161203
Realtà alternativa/ 5000 passi Tempi di confusione La tristezza assurda delle bambole abbandonate in soffitta Infiammazione (quello che resta di Read more.
DISSATISFACTION
Un tic tac perpendicolarmente ritmico su giu su giu su giu ipnotizzante. Il bordino rubato alla Dolly cela un grigio Read more.
BRUSSELS
Teodoro Brussels (1860 – 1941) fu il ramo presto potato che avrebbe potuto iniziare una tradizione sapienziale a sé stante. Read more.
Storia di volti 4. (Rocco Scotellaro ritratto da Carlo Levi)
Quel rosso appassionato dei capelli e del volto in mezzo all’accolta di contadini che si portano nella pelle il colore Read more.
LE TUE DITA SARANNO LUNGHE
le tue dita saranno lunghe, grazie agli effetti anticaduta e antivisivi del corpo faringeo: nella nuova gamma di vendita, esso Read more.
afferralo – 1976
“afferralo. si chiama diddò. ha 23 anni. fagliele sentire. ddài!”- dico sì e me le suonano. dico ‘forse’ e me Read more.
COLMOVENT
Dopo mesi di appostamenti, finalmente, ha scoperto sé stesso fare il nido su un lampadario. Giorni passati a osservarsi, pranzi Read more.
SINATRA
Scusami, è che stasera non mi va di parlare, non mi viene niente, nemmeno quando faccio finta di essere un Read more.
da I GIORNI QUANTI (53)
L’intimità è una scelta importante per i nostri nuovi vicini. Hanno spalmato di tende bianche i vetri che potevano guardarci. Read more.