SIA FATTO SANTO IL TUO NOME

Sia fatto santo il tuo nome
Sia canonizzata la tua carne
Ora che ti è sbollita la collera, ora che
Legata a un palo, con glottide dissestata dai singhiozzi
Ti chiedo l’ultimo bacio da puttana.
La tua lingua è un fiammifero acceso dentro il palato.
Ma non soffro, perché: io sono l’io narrante.
Dalle cosce spalancate espello il diaframma
Perciò io ero l’io narrante.

Intorno a noi le cose parlano, piacevolmente regolari.
Esse sanno patteggiare.

II
Non perdona mai il terribile tramezzo della natura
Essa è una diaframma indurito mai divenuto familiare.
Io perdono te che, da dio, non puoi adorarmi.

III
L’ultimo bacio è glabro, l’istinto incalza le lingue
Ma la morte che sa come spaventarmi
Raccoglie in superficie ogni cicatrice
Ordinata e riposta sotto i piedi.
Che il mio collo resti liscio e presentabile
E che non porti i segni dei minerali che ho inghiottito
Né delle talpe che lo risalirono
Che i polsi continuino a nascondere la lebbra segreta
Che il diaframma appaia morbido e funzionale
Che dai miei seni – gomitoli blu – si dipani un filo
Che sia magnete per le tue gambe
Che le tue gambe siano il palo a cui legarmi e
Solo così saldata e genuflessa, va bene
Essere un ritaglio per la morte.

Dopo potremo anche parlare, ed essere piacevolmente regolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.