(capitolo primo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

Alle spalle la poliziotta del quarto piano. Da minuti si muove nella mia ombra. Io a turno per due paia di slip. Lei? Sparita, la rivedo oltre il riflesso della vetrina sul marciapiede, nulla in mano. Conforto la commessa. Lascio che mi foderi il pugno: la misura va bene. Si. Un grigio e un blu. – Peccato che l’elastico si consumi nell’uso. – Dico. – No, è l’errata temperatura nel lavaggio.- Dice. – Il prodotto è buono.- La poliziotta è minuta, bruna, occhiali da miope. Evita gli sguardi, l’ascensore, approfitta del portone lasciato socchiuso e lesta scivola per strada. In inverno jeans, maglione e piumino scuro, in estate cotone crudo. Un culturista dalla Croazia deborda in cartolina dalla cassetta della sua posta. Al funerale del padrone i vicini condomini hanno modo di prospettarle l’opportunità di far rimuovere l’automobile davanti al portone da mesi con le ruote mosce. Non commenta. Dopo la cerimonia si dilegua tra i parenti stretti dello scomparso. L’indomani un carro attrezzi mette via il catorcio. Il patrone di casa rispettoso con le signore, galante con le giovani inquiline, invitava singole, separate in discoteca, le vedove a cena e giri in spider. Nessuno nel palazzo ha interesse a ricordare le feste. La poliziotta è sicurezza per tutti, non è sposata né fidanzata. La TV non funziona. Gli operai di sopra hanno manomesso l’antenna del televisore. Salgo all’ultimo piano. Batto violento con le mani. Mi apre lei, la poliziotta, stupita. Scuote il capo con disappunto. A casa sua non ci sono manovali. Mi scuso e nel passare alla porta accanto, con la coda dell’occhio, noto un rigonfiamento tra jeans e maglione dietro: la pistola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL CINQUE MAGGIO
C’era quello. Siccome che il respiro gli mancava C’era da credere che fosse morto Anche perché aveva la faccia strana Read more.
ULTIMA SETTIMANA DI SETTEMBRE
Nel genio asintotico in cui si ritrova la sua testa c’è spazio per la pioggia che si infessura, sussurra non Read more.
TRE MADONNINE
Ieri ho visto tre Madonnine di maiolica che passeggiavano al sole per un sentiero della Valle Agordina. Pur lacrimando, come Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 15’78
la rosa del deserto la mia personale perfezione non tollera le prospettive delle turbe circostanti. attorno a me. in relazione Read more.
THE GOOD
Un chilo di 21 ingredienti di sintesi e di molecole coltivate in laboratorio che “a differenza della mucca, che non Read more.
INCIPIT/EXCIPIT (John Cheever)
Era una domenica di mezza estate in cui tutti se ne stanno seduti e continuano a ripetere: “Ho bevuto troppo Read more.
RISCHI DELLA CITAZIONE
«Contrary to Reason, against the Day», dice Thomas Pynchon le cose che immancabilmente farei, a costo di perdere ogni cosa. Read more.
MATEMATICAMENTE AL 50%
1 non sarò mai famoso non capisco i grossi problemi fare la spesa ed essere riconosciuto essere frainteso dai giornalisti Read more.
(capitolo sesto) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
Accendo la radio. Sono state immagazzinate informazioni in frammenti attivi del tessuto cerebrale di un mammifero. L’esperimento è stato effettuato Read more.