l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 8’78

dovrei ripetere qui cose che sogno in sua compagnia ad alta voce. e spesso accompagnate-sollecitate da un sottofondo di discomusica.
ma ci sono ripetizioni che mi restano impraticabili. parlare per me é piacevole scrivere no.
teoricamente si teoricamente dovrei limitarmi a scrivere l’inevitabile. ma non é così. ma non é così affatto. perché se tu brusco mi dici ‘tutto é ripetizione’ io dopo un attimo con guido confermo ‘é vero’.
ora però penso questo: che si potrebbe con gli anni, via via rallentare il ritmo della ripetizione. trasformando certi acuti di una volta in barriti lunghi certe freccine volanti ben diritte in cingolati esitanti sull’erba.
c’é poi il fatto che col tempo capita con più alta frequenza che si debbano aspettare le scansioni dei tempi più giovani il compiersi in altri più giovani delle ripetizioni che in me vecchio si sono anche perdute per virtù di memoria per stile dell’attenzione per sviluppo citologico.
quando ti stupisci della mia fredda reazione a eventi che fanno ribollire ricordati che per sentenza gnomica il meglio e il peggio stanno sempre a irriducibile distanza dal qui-ora.
semmai la mia stessa freddezza sarà un modo di bloccare nel qui-ora col ‘resto’ il meglio il peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.