afferralo – 1976

“afferralo. si chiama diddò. ha 23 anni. fagliele sentire. ddài!”- dico sì e me le
suonano. dico ‘forse’ e me le danno. gli chiedo di pesarmi come si deve, allargo le
gambe, mi rilasso, nulla è nascosto. cominciano, da dietro, dal basso verso l’alto, con
una vergata scorticagengive sui coglioni. mi aizzano addosso un pastore tedesco,
olimpionico di strappo, a cui non fa schifo assaggiare l’osso, farsi formichiere,
succhiare il midollo. – e visto che sono già lanciati, non dico più nulla. smetto di
sollecitarli. – mi riproducono rapidamente in milioni di copie – che non sono copie
identiche. elaborano immagini, maniere, metodi di sterminio sempre più rapidi.  –  c’è,
subito, competizione, bella, tra produzione e sterminio. – c’è, subito, tra produzione e
sterminio, solidarietà. –  qualcuno prende nota della vicenda. qualcuno si riposa. io
regalo consigli. sorseggio un liquore forte, denso, senza idee. – mi annoia. – mi
chiamano. mi afferrano. mi squartano. mi esplorano. mi richiudono. lascio fare. penso
che si stancheranno. ma non si stancano. non si stancano mai. sono ancora freschi,
vigorosi, ciarlieri, attivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accampamento 1 – Gli interni assegnati
Al  km 24, al muro di testa di un volume grigio, andato in rifacimento più volte, più volte ridestinato, s’innestano Read more.
CARAPACI
Una fragranza di farina imbiancava l’aria. Fettuccine e sfoglie tese a seccare su un letto matrimoniale di strofinacci. Madama prese Read more.
da I GIORNI QUANTI (60)
L’ipotesi di stabilirmi in campagna è subito scartata. Il ventilatore mi è nemico. Cioè lo sento come il mio detrattore Read more.
N.4
dopo cena chiama me e l., venite a vedere la luna piena, è una luna gialla e larga sospesa in Read more.
45
c’erano note e le passate memorie poi giorni d’ anime nella nebbia il mondo dei morti   e grandi alberi Read more.
Walking Flames
Le fiamme parlano, senza conoscenza sono in movimento. Non dipende dal contatto, ma dalla reciproca vista di un cuore che Read more.
Archivio fotografico Tambour: veduta di Grenoble
Pendevano, ondeggiando, dalle sue orecchie bizantine cerchi e anelli   Un soffio risorgeva alle sue trombe sopra le spalle erette Read more.
DISASTRI CARBOCERAMICI
E sono ancora qua ha detto il bandolero acquiescente ma non è vero che io sia ancora qua perchè se Read more.
DIARIO DI BORDO
Stamattina, alle sei, dal ponte ho visto alcuni ragazzi rientrare dalla notte. Sono scesa sottocoperta. Fuori fa freddo, è piovuto Read more.