PANDA

La data in cui mia moglie cominciò a brucare foglie di eucalipto è ricordata negli annali della borsa francese come un giorno catastrofico: Renault chiuse due stabilimenti, AXA e Michelin tonfarono e il titolo Air Liquide sprofondò a meno trenta punti percentuali. Secondo alcune voci quel giorno coincise con la prima migrazione in massa di topolini topo topus dal Bois de Boulogne, dove stanziano dal 1748. Ma anche con la fioritura di un foruncolo mai osservato prima nella famiglia Chevalier, che da generazioni vive in rue Carcassonne, dove, notoriamente, brufoli e acne di qualunque tipo, oltre al Cupressus sempervirens, non riescono a attecchire. Personalmente credo sia stata una combinazione: non riesco a rintracciare un nesso tra eventi tanto lontani nello spazio e  nella natura. Ma Okada Tomakada, dell’università di Tokyo, sostiene esattamente il contrario, e a riprova fa una serie di esempi: se un bianco sui quaranta incrocia le braccia a Montreal, una massaia di Corfù taglierà una fette di pescespada e la metterà in forno; se un pullman fa marcia indietro a Casale Monferrato, un contadino di Istanbul scorcerà un’unghia incarnita del piede sinistro; se un ramo di acero nano dell’orto botanico di Palermo viene piegato a uncino, un salumerie di Bonn tirerà una presa di tabacco. Ma quando lei ti terrà la mano – altro esempio – mentre mastica le sue foglie balsamiche, il cielo della foresta pullulerà all’improvviso di uomini in canottiera, di bimbe che planano, di scimmie cappuccino che giocano a freccette. Tu, allora, taglia una fetta di torta, brinda alla nuova vita. Scivola nel sottobosco. E dormi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

STANZA 229
ad ogni stazione da ragazzo aprivo le finestre per fumare una sigaretta o per stringere la mano di chi mi Read more.
SCAFFALE 110 – 170102
Nel 1990 ho deciso di operare nel silenzio di una situazione periferica (decentrata, appartata) (mondo della memoria del privato e Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE INGEGNERE
Costruire montagne clandestine, verbi al trapassato, caseggiati ambulanti, lampadari liquidi. Costruire laghi di zeta. Assiomi rossi. Parlanti Inesistenti. Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Giuditta la Salentina)
Si sentiva ricolma d’amore per il cielo stellante e per le petraie al margine del mare. Scompariva. La ritrovavano a Read more.
SI VA (1974)
– da qui dove si va? – alla torre sperlinga – e da qui? – alla piazzetta zoff – questo Read more.
PER SOTTRAZIONE
Nel nome e nel cognome sfuggente Ugo Via pareva un uomo mite. Non portava lenti e non aveva né peli Read more.
PAGINA BIANCA 29
Egli fa colazione       piove pioviggina ha smesso. luna l’alba grigio il mezzogiorno. gira il giorno nel microonde Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 34
Comparsa senza ordine di parole Vo del sasso l’eredità. In pancia mi metterò l’ossario intero Così che sia difficile al Read more.
OPPURE, IN SECONDO LUOGO
oppure, in secondo luogo, quando spostiamo il lavandino, restiamo fermi sotto lunghe banderillas di ciliegio. il lavandino è punteggiato da Read more.