ANIMALI DOMESTICI (E NON) 5

 

Ogni giorno

Luca ripercorre le tracce smarrite per evitare

di ritrovarsi. Ogni giorno

Stella si concede dei momenti di riposo

fino a quando qualcuno bussa alla porta.

Ogni giorno Carlo cerca di capire il fluire

dei materiali partendo dalle indicazioni

dentro alle possibili storie su cui ragionare.

Ogni giorno l’orologio di Carlo segna le 17 e 50.

Non importa l’argomento, non importa cosa dice:

il gatto di Luigi è sempre il diverso da zittire.

Ordisce e trama di nascosto. Prepara il terreno

per una sequenza di impennate nella solitudine

del suo microcosmo quotidiano. Il ricordo

del cane di Luca rimarrà impresso nella mente

del figlio di Luca, come un nastro che non scorre

né avanti né indietro (o perché si è rotto).

La memoria produrrà forti disturbi sfaldandosi

come forfora. L’immagine colerà a picco

come un vecchio spezzone di varietà televisivo.

A volte il gatto di Stella presume che

la controparte si identifichi come aggressore.

Carlo preferisce apprendere lezioni dalla vita

senza rimanere disoccupato. Il cane di Luca

guarda alcune persone che lavorano insieme

per salvare un serpente, anche se il serpente

potrebbe danneggiarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accampamento 1 – Gli interni assegnati
Al  km 24, al muro di testa di un volume grigio, andato in rifacimento più volte, più volte ridestinato, s’innestano Read more.
CARAPACI
Una fragranza di farina imbiancava l’aria. Fettuccine e sfoglie tese a seccare su un letto matrimoniale di strofinacci. Madama prese Read more.
da I GIORNI QUANTI (60)
L’ipotesi di stabilirmi in campagna è subito scartata. Il ventilatore mi è nemico. Cioè lo sento come il mio detrattore Read more.
N.4
dopo cena chiama me e l., venite a vedere la luna piena, è una luna gialla e larga sospesa in Read more.
45
c’erano note e le passate memorie poi giorni d’ anime nella nebbia il mondo dei morti   e grandi alberi Read more.
Walking Flames
Le fiamme parlano, senza conoscenza sono in movimento. Non dipende dal contatto, ma dalla reciproca vista di un cuore che Read more.
Archivio fotografico Tambour: veduta di Grenoble
Pendevano, ondeggiando, dalle sue orecchie bizantine cerchi e anelli   Un soffio risorgeva alle sue trombe sopra le spalle erette Read more.
DISASTRI CARBOCERAMICI
E sono ancora qua ha detto il bandolero acquiescente ma non è vero che io sia ancora qua perchè se Read more.
DIARIO DI BORDO
Stamattina, alle sei, dal ponte ho visto alcuni ragazzi rientrare dalla notte. Sono scesa sottocoperta. Fuori fa freddo, è piovuto Read more.