IL MEDAMOLABIO

Fin da quando Falco Anselmi raggiunse la Somalia italiana all’inizio degli anni ’50 per studiare le locali tribù dei Punti, la sua curiosità venne stuzzicata da uno strano oggetto. Precedentemente e per tutto il periodo coloniale del Paese i Punti erano sempre riusciti a mantenersi in un discreto isolamento, vuoi per l’ostinato nomadismo, l’assenza di risorse economiche di qualsiasi tipo o la distribuzione maculare dei pochissimi individui in una zona vastissima e tutto sommato inospitale. La sola testimonianza antica che può forse essere collegata allo strumento che l’Anselmi battezza medamolabio è in un frammento di Polibio che, in riferimento a dei cinocefali di pelle scurissima apparsi in un certo momento all’estremità orientale del regno di Massinissa, dice che questi parevano orientarsi con un nescio quid di fascine intorcolate con l’ausilio del quale scrutavano il cielo notturno. Curioso che poi, durante il giorno, portassero invece l’oggetto in ostensione quasi pregandolo e inondandolo d’incensi. Anselmi, nei suoi tre anni di osservazione, riporta gli usi accennati dallo storico greco e ne scopre molti altri: il medamolabio sembra in qualche modo essenziale nella lettura delle correnti marine, è efficacissimo strumento di rabdomanzia, tiene a bada gli spiriti maligni. Non solo, quando una giovinetta dà segni di maturazione, un piccolo medamolabio viene posto sotto il suo letto per i primi sette cicli mestruali. Con cadenza trimestrale, i Punti si ritrovano poi in luoghi segretissimi e danzano invasati intorno al medamolabio snocciolando benedizioni e cadendo in strambi deliri mistici. Da notare il fatto che questo bizzarro elemento di cultura materiale, che gli indigeni chiamano pewetti’choba, all’epoca dell’Anselmi non fosse più costruito in legno, ma con residui bellici di metallo legati con corde di banano. Interrogati in merito, i Punti rispondono con elaborati e confusissimi giri di parole che non dicono nulla, perdendosi nella descrizione dei tabù accordati al medamolabio, ricette di cucina, nozioni di astrologia, o di usi ancor più fantasiosi e mai comprovati del quid. Incuriosito dagli appunti dell’Anselmi, negli anni Novanta, l’etnologo francese Pierre Bourré ha visitato i pochi Punti rimasti, raccogliendo anch’egli un’impressionante mole di testimonianze relative all’uso del pewetti’choba – ora plastico e modellato in forma sferica dagli sciamani della tribù – come mestolo per la polenta, pietra angolare nella costruzione di templi, pallone da calcio, cappello e, per gli indigeni venuti in contatto con i missionari, effige di Gesù Bambino. Supportata da centinaia di ore di interviste e migliaia di prove fotografiche, l’ipotesi di Bourré è che il medamolabio serva confondere chi li osserva e che in assenza di stranieri i Punti non se ne facciano nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASANDOSI SUL RITORNO DEL SOLE
Virginia Laura e Giovanni Ciro non apparecchia mai per due. Anche se avesse trenta invitati, anche se fosse sola, anche Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Rabbi Beniamino)
La piccola Lucia fu destata dall’acqua della cisterna che chiamava il suo nome. La bambina guardò dalla finestra aperta sull’Estate Read more.
DERISO
Multietnico, pluriespressivo, paranomasico a dir poco, talmente fuori dagli schemi da disegnare un periplo e rientrarvi dagli estremi, Deriso (1941 Read more.
Accampamento 7 – La sagoma indolente
Ho fin’ora dissimulata la natura di questo immenso avvallamento che non è il risultato dell’erosione, ma larga e profonda buca Read more.
ALLAFANNATI
Un occhio è aperto. Un altro semi chiuso. C’è un cuore che batte ed un respiro che si affanna al Read more.
da I GIORNI QUANTI (68)
Oggi sono uscito dal ristorante e le mie figlie avevano la testa bassa. Avevano visto quanto ho pagato. Per un Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 36
Con un giogo d’ombre Il bivio di restare Strampalata bavetta di neonata. Col calcio d’angolo il goal Non l’ho mai Read more.
OCCLUSENE Parte II
entra ovunque  si insinua in qualunque organo   in ogni tipo di tessuto   di fibra  di unità funzionale grazie alle sue Read more.
TIC TAC
Senti come batte. Senti i clangori che rimbalzano sulle lamiere, gli spari di tosse, le gomme che squittiscono curvando sull’asfalto, Read more.