SONDAGGI

 

a un esame obiettivo, le cave risultano abbastanza grandi: di media hanno tra gli otto e i quindici muri di gomma contro cui rimbalzare la speranza, e attivare così nuove fonti di reddito. vi sono affisse promesse corpose, generiche e in numero limitato, quindi assolutamente praticabili, che hanno molteplici funzioni diverse: energizzare o bilanciare, risparmiare o investire

aspetti negativi: il peccato mortale dell’indifferenza verso , e il fatto che l’ambiente in cui si trovano sia deprimente, collocate come sono nelle acque stagnanti di una cultura al di sopra delle proprie possibilità

nella stagnazione è importante intervenire e chiedere aiuto – restiamo vicini a Olivetti (quando c’era lui)

negli ultimi decenni però qualcuno, bontà sua, è tornato a esplorare filoni di   , scissi o, meglio, trasversali

secondo un sondaggio, possiamo dire, con un’accuratezza del 75%, che il trasversale si stima senza partecipazione del 30% o del doppio degli under 35,

secondo una simulazione, i consensi sommati di tutte le altre proposte vanno al di là del dicibile, per questo siamo ai primi posti per famiglie e under 35 in povertà

oggi le miniere hanno chiuso o, al più, ospitano all’interno attività commerciali e servizi, ma un tempo, per quanto rischiosa, l’attività di ricerca di era cruciale per la creazione di un flusso di reddito (cfr. il vecchio adagio: “entra in comunicazione con il tuo blocco d’argilla e diventerà qualcosa di ”)

in Italia ci sono sempre meno coetanei. il 39% è in stragrande maggioranza over 26, senza contare il 92%

la loro bellezza è soltanto un rovesciamento di questo panorama abbruttito. con figli o senza figli, gestiscono la vita quotidiana: mode. empatia. resilienza. facoltà terrificanti. se ne parla a destra per creare e a sinistra per sostenere, e il terzo polo azzera la tassazione. da qui la seguente

proposta

le comunità che funzionano portano prosperità, diventano un motore locale. e allora perché non ridurre all’osso la ponderosità dei testi, la pretenziosità seriosa, incravattata, ingiacchettata, sterile? non ascoltiamo i guru americani. non alle nostre latitudini

messa su famiglia gli stipendi, da uno solo, diventano una miniera

un’immagine che si dipana nel tempo! la vita come esplosione

 

(questo è un blocco di argilla, prova. domani avrai uno studio d’ )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASANDOSI SUL RITORNO DEL SOLE
Virginia Laura e Giovanni Ciro non apparecchia mai per due. Anche se avesse trenta invitati, anche se fosse sola, anche Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Rabbi Beniamino)
La piccola Lucia fu destata dall’acqua della cisterna che chiamava il suo nome. La bambina guardò dalla finestra aperta sull’Estate Read more.
DERISO
Multietnico, pluriespressivo, paranomasico a dir poco, talmente fuori dagli schemi da disegnare un periplo e rientrarvi dagli estremi, Deriso (1941 Read more.
Accampamento 7 – La sagoma indolente
Ho fin’ora dissimulata la natura di questo immenso avvallamento che non è il risultato dell’erosione, ma larga e profonda buca Read more.
ALLAFANNATI
Un occhio è aperto. Un altro semi chiuso. C’è un cuore che batte ed un respiro che si affanna al Read more.
da I GIORNI QUANTI (68)
Oggi sono uscito dal ristorante e le mie figlie avevano la testa bassa. Avevano visto quanto ho pagato. Per un Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 36
Con un giogo d’ombre Il bivio di restare Strampalata bavetta di neonata. Col calcio d’angolo il goal Non l’ho mai Read more.
OCCLUSENE Parte II
entra ovunque  si insinua in qualunque organo   in ogni tipo di tessuto   di fibra  di unità funzionale grazie alle sue Read more.
TIC TAC
Senti come batte. Senti i clangori che rimbalzano sulle lamiere, gli spari di tosse, le gomme che squittiscono curvando sull’asfalto, Read more.