GENEALOGIA DELLA FAMIGLIA HUIN

E anche se Hyau Huin, il Terziario, stasera, dopo aver trasportato i suoi centocinquanta chili nella veranda dice a sé stesso con un sospiro quanto sia stato faticoso trascinarsi fino a quel punto della casa, gli eventi fanno ineluttabilmente il loro corso. Una mollica sferica di iridio-platino del peso di due etti inizia la sua risalita copiando i venti gradini della scala che portano dall’ingresso al piano superiore, rotola sul parquet ed entra in una camera da letto finendo la sua corsa in un incavo su uno dei due comodini. Basta fermarsi in un punto qualsiasi, percorrere il corridoio, stare sul pianerottolo o anche soltanto guardare da un angolo qualunque dell’ingresso, per assistere incessantemente alla stessa scena. Come incessante è l’attimo in cui Hyau Huin, dopo aver trasportato i suoi centocinquanta chili nella veranda, dice a sé stesso con un sospiro quanto sia stato faticoso trascinarsi fino a quel punto della casa. Solo un rumore di metallo rompe sempre a una precisa scadenza l’incubo di Huay Hiun, detta Terziaria, che sogna quell’ossessione. Un grido blocca ogni venti minuti la risalita della sfera.  La madre di Hyau Huin il sospiro del figlio: ogni quattro ore per prendere un semolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASANDOSI SUL RITORNO DEL SOLE
Virginia Laura e Giovanni Ciro non apparecchia mai per due. Anche se avesse trenta invitati, anche se fosse sola, anche Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Rabbi Beniamino)
La piccola Lucia fu destata dall’acqua della cisterna che chiamava il suo nome. La bambina guardò dalla finestra aperta sull’Estate Read more.
DERISO
Multietnico, pluriespressivo, paranomasico a dir poco, talmente fuori dagli schemi da disegnare un periplo e rientrarvi dagli estremi, Deriso (1941 Read more.
Accampamento 7 – La sagoma indolente
Ho fin’ora dissimulata la natura di questo immenso avvallamento che non è il risultato dell’erosione, ma larga e profonda buca Read more.
ALLAFANNATI
Un occhio è aperto. Un altro semi chiuso. C’è un cuore che batte ed un respiro che si affanna al Read more.
da I GIORNI QUANTI (68)
Oggi sono uscito dal ristorante e le mie figlie avevano la testa bassa. Avevano visto quanto ho pagato. Per un Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 36
Con un giogo d’ombre Il bivio di restare Strampalata bavetta di neonata. Col calcio d’angolo il goal Non l’ho mai Read more.
OCCLUSENE Parte II
entra ovunque  si insinua in qualunque organo   in ogni tipo di tessuto   di fibra  di unità funzionale grazie alle sue Read more.
TIC TAC
Senti come batte. Senti i clangori che rimbalzano sulle lamiere, gli spari di tosse, le gomme che squittiscono curvando sull’asfalto, Read more.