DIDASCALIE 5

  1. Te la ricordi la cavalletta (“gigantesca”, dicesti al telefono) che una sera d’estate venne a schiantarsi tra le alette degli scuri, e da lì per l’inerzia del suo volo supersonico finì sul muro e quindi dietro i dizionari sulla mensola vicino alla finestra?
  2. Avevo anche pensato di spingere avanti il castiglioni mariotti e addio, lasciare tutto lì, i fluidi verdi o bianchicci a seccare sul taglio delle pagine.
  3. Quanto sarebbe durato il guscio, l’esoscheletro, prima di sbriciolarsi.
  4. Quando emerse da dietro i libri, circospetta, rimasi per ore senza sapere cosa fare.
  5. Mi fermavo a guardarla nella sua idiozia che poi era la mia, ricordando la nonna che raccontava:
  6. quando ero piccola, con gli amici catturavamo le cavallette. Se le prendi la testa, la torci e poi tiri,
  7. viene via tutto e rimani con il guscio vuoto nell’altra mano.
  8. Mi domando cosa sia questo brivido, tremare di rami e foglie al passaggio del vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCAFFALE 108 – 161203
Realtà alternativa/ 5000 passi Tempi di confusione La tristezza assurda delle bambole abbandonate in soffitta Infiammazione (quello che resta di Read more.
DISSATISFACTION
Un tic tac perpendicolarmente ritmico su giu su giu su giu ipnotizzante. Il bordino rubato alla Dolly cela un grigio Read more.
BRUSSELS
Teodoro Brussels (1860 – 1941) fu il ramo presto potato che avrebbe potuto iniziare una tradizione sapienziale a sé stante. Read more.
Storia di volti 4. (Rocco Scotellaro ritratto da Carlo Levi)
Quel rosso appassionato dei capelli e del volto in mezzo all’accolta di contadini che si portano nella pelle il colore Read more.
LE TUE DITA SARANNO LUNGHE
le tue dita saranno lunghe, grazie agli effetti anticaduta e antivisivi del corpo faringeo: nella nuova gamma di vendita, esso Read more.
afferralo – 1976
“afferralo. si chiama diddò. ha 23 anni. fagliele sentire. ddài!”- dico sì e me le suonano. dico ‘forse’ e me Read more.
COLMOVENT
Dopo mesi di appostamenti, finalmente, ha scoperto sé stesso fare il nido su un lampadario. Giorni passati a osservarsi, pranzi Read more.
SINATRA
Scusami, è che stasera non mi va di parlare, non mi viene niente, nemmeno quando faccio finta di essere un Read more.
da I GIORNI QUANTI (53)
L’intimità è una scelta importante per i nostri nuovi vicini. Hanno spalmato di tende bianche i vetri che potevano guardarci. Read more.