LAMA

E’ facile. Basta pensare all’esatto opposto di quello di cui vorresti parlare. Oppure lasciare che una parola ne inneschi un’altra, senza paura. Parlare a caso. Anche a cazzo. Ci si rilassa, parlando a cazzo: di niente. Che poi il niente è anche impegnativo, volendo. Il niente impegna. Potendo.
Non mi asciugano i panni, ultimamente: sarà il libeccio.
Ho dimenticato almeno quattro cose, oggi. Non mi ricordo le prime tre: ma l’ultima era sicuramente una cosa. L’ho fregata, quella merda. Tiè. Io sulle cose non accetto questioni. Ci sono cose e cose, e io la so lunga sulle cose. Per esempio ci sono le cose. E poi, chiaro, ci sono anche le cose. Però io, ora, volevo parlare delle cose. Non delle cose.
E’ che ho preso una pastiglia per dormire, ma non funziona, o funziona solo per l’emisfero dx, o sx o fx. Non funziona, ma le cose – le cose: non funziona, quella pastiglia di merda. E rimango in un dormiveglia idiota fatto di bave e cose. Ora imploro il sonno, che mi perdoni, che le cose mi
Ci sono tutte queste cose e io mi sono rotto i coglioni. E poi si è fatto anche un po’ freddino. Metto un Lama sul letto. Ogni tanto scatarra, però fa calduccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.