SE NEMICO DELL’ARSURA

Se nemico dell’arsura

disseti il fiore

io sgomento di svegliarmi

zafferano franto nella mia spezia magra

Se smarrisci di cercare

invece che vegliarmi

io svengo nella viola

la mia gemma dischiusa

Se peregrino e infausto

dreni il mattino

io mutuo di concernerti

e nel grigio accendo un lume

Se entri in un accadere

paralizzato di sequele

io fruttifico le stasi

che mi trasogni

Se sanguini dalla bacca più riposta

io bacio il segno che ti scolla i singhiozzi

Se la tua doglia è un’ustione soltanto allusa

io slaccio cadenze invertebrate

a smagrirti i silenzi

Se colludi la tua fitta

a un volo superno

io mistifico le mie polveri

finché ti impollino

Se all’assemblea delle forme

i corpi si dimettono

io il tuo ordito sboccio

fiore di questo dolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLI A UNA GIOVANE ASSASSINA
Sfodera la tua arpa da fuoco e colpisci. È arrivato il tuo tempo, Annavanessa. Il tempo di quelli. Non farti Read more.
DISEGNI D’INVERNO
Dimmi dal colle l’infinito avvento; inaugurazione Gela il suo vuoto di cera persa un croccante sottozero   Come promessa il Read more.
QUEI DUE GIOVANI
Quei due giovani immersi in una chiocciola di parole belli pensosi arroganti li tratteggio si sfumano come mandorli in primavera Read more.
ALTRI FRAMMENTI (4)
Per primo ha eliminato dall’appartamento ogni traccia riconducibile alla moglie, affastellando in una stanza ogni oggetto, abito, alimento, profumo a Read more.
ESTIZIO (da Favole del ’68)
il pulitore nel clado che non si dorme nell’acqua che non si bava nella suona che non ha finestre tutto Read more.
CORO
“è il tempo più grigio e dolce dell’anno, prima ancora che brilli la bacca improvvisa dell’inverno” A Bertolucci dormire con Read more.
UNA MASSA “JOCKERISTICA”?
… così imbastivo la mia dialettica per un massacro (anch’esso dialettico)… per parafrasare Stefano D’Arrigo: dentro più dentro dove la Read more.
(L’OCCHIAIA. 84. “Bipedi 9”)
Come un cagnolino obbediente, sta con affanno dietro al frettoloso mazzetto di lilium appena acquistato tenuto discosto dalla scritta fucsia Read more.
PUDORE (Decency)
Così, se occorrerà spiegare nuovamente tutto dall’inizio, se saremo ancora lì, faremo allora come fa un mattino, un passo dietro Read more.