IL BAMBINO FAVOLOSO

Mi piace il rosa. Mi è sempre piaciuto. Da piccolo il rosa preoccupava mia madre anche se non lo dava a vedere; mio padre semplicemente diceva, non va bene per te, il rosa è per femmine. Lo ripetevo tutte le volte, è per femmine, quando dopo aver scelto istintivamente il rosa come colore di un gioco, di una maglietta, di un paio di scarpe, incontravo lo sguardo contrariato di chi era con me; rettificavo a malincuore la mia scelta così come mi aveva insegnato mio padre. Rinunciavo al rosa per non dar loro un dispiacere anche se non capivo e non ne capisco il senso ancora ora. I colori sono tutti belli, il rosa un po’ di più. Mi fa pensare alla pelle attorno ai capezzoli delle donne che ho amato, allo smalto sulle unghie di mia madre, a certe sfumature del cielo all’alba, ai fiori che crescono spontanei attorno alla tomba di mio nonno. Da piccolo gli chiedevo se fosse contrariato dal rosa di quei fiori. Tutte le volte sorridendo mi rispondeva di no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

STANZA 229
ad ogni stazione da ragazzo aprivo le finestre per fumare una sigaretta o per stringere la mano di chi mi Read more.
SCAFFALE 110 – 170102
Nel 1990 ho deciso di operare nel silenzio di una situazione periferica (decentrata, appartata) (mondo della memoria del privato e Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE INGEGNERE
Costruire montagne clandestine, verbi al trapassato, caseggiati ambulanti, lampadari liquidi. Costruire laghi di zeta. Assiomi rossi. Parlanti Inesistenti. Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Giuditta la Salentina)
Si sentiva ricolma d’amore per il cielo stellante e per le petraie al margine del mare. Scompariva. La ritrovavano a Read more.
SI VA (1974)
– da qui dove si va? – alla torre sperlinga – e da qui? – alla piazzetta zoff – questo Read more.
PER SOTTRAZIONE
Nel nome e nel cognome sfuggente Ugo Via pareva un uomo mite. Non portava lenti e non aveva né peli Read more.
PAGINA BIANCA 29
Egli fa colazione       piove pioviggina ha smesso. luna l’alba grigio il mezzogiorno. gira il giorno nel microonde Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 34
Comparsa senza ordine di parole Vo del sasso l’eredità. In pancia mi metterò l’ossario intero Così che sia difficile al Read more.
OPPURE, IN SECONDO LUOGO
oppure, in secondo luogo, quando spostiamo il lavandino, restiamo fermi sotto lunghe banderillas di ciliegio. il lavandino è punteggiato da Read more.