L’USO DEL NOSTRO TEMPO IMPERFETTO

Sarà che a nessuno è venuto in mente di donare una clessidra al primo esemplare saltato fuori dall’inventario degli accessori nella notte dei tempi, sarà senza ombra di dubbi. Proviamo a immaginare il primo libro dei libri, scrigno del primo pensiero declinato al tempo scomparso, posto sullo scaffale in alto o in basso non importa della libreria più antica di ogni epoca, proviamo senza avvertire il soffio della malinconia che avvolge le cose lasciate nude, lì nell’angolo, apparentemente a riposo dai pensieri e le preoccupazioni, in realtà semplicemente relegate in un angolo, senza quasi rimedio, senza sole. Le persone cominciano ad entrare, richiamate dalla promessa di novità che si è sparsa ai quattro venti nella voce di qualcuno, e si mettono in fila; la processione scorre lenta, senza affanni, ed ognuno esce con in mano un esemplare dell’inestimabile, estenuante inventario (dal momento che dalla notte dei tempi di cose ne sono accadute, va da sé). Solo allora, come una folgorazione, la sorpresa. E lo sgomento, forse il disgusto perfino. Di vedere con i propri occhi una trama che scorre, tutta declinata al tempo scomparso. La storia del mondo è passata, e i modi e tempi dell’autore hanno pensato bene (vigliaccamente) di seguire l’andazzo. Che scherzi sono? Noi siamo fatti e siamo venuti con la promessa di leggere qualcosa che fosse proiettato nel futuro, teso come un fuso, proprio come lo siamo noi, che a malapena sappiamo stringerci nel presente come piante senza sole che non possono crescere una foglia in più. Costretto nell’angolo dalla sollevazione popolare, l’attendente è chiamato ad ammettere che, per una qualche specie di riprovevole solidarietà, anche gli altri esemplari del lotto si sono rifiutati di accompagnarsi con la clessidra, ovverosia il grande e temuto metro del tempo. Si sparge in fretta la voce, i più cominciano a storcere il naso, mentre lo spregiudicato di turno azzarda la voce che l’illusione sia appena finita. Un altro, che non si preoccupa punto di mostrare le credenziali a sostegno del suo ragionamento, protesta con l’attendente che la clessidra non è mica un orpello; se ci avessero pensato per tempo, a quest’ora gli illustri lettori godrebbero dell’illusione più facile e pura dell’intero lotto degli umani sentimenti: quella di poter piegare il tempo a propria discrezione, secondo l’inclinazione e mai la declinazione. E così bruciare in un fascio tutte le storie che non servono alle umane cose, ovverosia al progresso. E così basta una parola in più per innescare la reazione, e qualcuno minaccia di venire alle mani, il modo migliore per rendere un torto di questi tempi. La protesta monta rapida come è venuta, e vistosi perduto l’attendente non trova soluzione migliore che promettere l’immediata chiusura del bazar. Con le mani premute sul cavo della bocca, emette un fiato che spera arrivi fino ai piantoni stipati oltre i gradini prima dell’ingresso, tanta era la folla in origine. Tornate quando l’ordine sarà ripristinato, ed il vizio corretto. Tornate quando l’onta del tempo passato sarà stata lavata. Nel frattempo pensate al futuro, ognora e sempre, che questi scapestrati artisti maledetti con il piede perennemente nella calce del tempo imperfetto li raddrizzeremo noi, potete giurarci. Tesi come un fuso.

l’indomani si sparge la voce che la prima libreria del vecchio corso abbia chiuso i battenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.