MICHELE DELLAQUAZ

Michele Dellaquaz (1920 – 1997), italiano naturalizzato francese, fu assieme lo storico delle idee meno importante del ‘900 e uno degli anagrammatori più sottili che il mondo abbia conosciuto. Tipico pensatore post-tutto, ci ha lasciato un’immensa mole di lavori che spaziano come argomento dalla fisica dei quanti alla critica destrutturalista delle ricette di cucina, dalla teoria della teoria scientifica alla storia delle grondaie, dall’ornitologia comparata meta-ideologica alla morale sessuale per come viene rappresentata nei chiavistelli dei portoni in epoca medievale. Intellettuale fuori dagli schemi ma spesso dentro gli schermi, la sua vis destruendi ha colpito quasi ogni campo dello scibile umano senza scalfirlo minimamente. Volutamente confusionario per non ricadere lui stesso all’interno delle categorie dei dogmatismi che criticava, finì per criticare la concrezione cementificatrice e ipoconoclastica della lingua francese – prontamente accusata di veicolare un’ideologia fascista – e per esprimersi in dialetto molisano. Irritato dall’eccessiva fissità dello stesso, inframmezzò i suoi interventi con numeri da circo e urla sguaiate, gli scritti con vignette sconce e poesie. In linea con questo metodo, non produsse mai opere monocratiche, monografiche né monosillabiche, ma si espresse piuttosto attraverso brevi articoli su riviste pornografiche, fumetti per bambini e cataloghi di mobilio. Nonostante il carattere estremamente frammentario dell’opera, che come si è detto mira soprattutto a decostruire le certezze altrui, è comunque possibile individuare una certa proposta di progresso nella disciplina. Secondo Dellaquaz infatti, la filosofia può e deve farsi proteiforme, smascherare sé stessa ed essere sempre pronta a truccarsi per assomigliare a qualcos’altro, scomporsi e decomporsi e fare piroette, rinunciare al proprio fondamento per squagliarsi nei canali dei media di massa secondo un metodo da lui definito radiografico. Difficile fare un’esegesi più precisa, poiché equivarrebbe a tradire l’essenza stessa del metodo teoretico che propone, invalidandone il tentativo di trasmissione. Ebbe un grande successo nella prima parte della sua vita, presto strappatogli quando il gossip venne a sapere di più sul modo che utilizzava per produrre i suoi pensieri e le sue convinzioni: novello Tristan Tzara, ritagliava i pensieri altrui fino a ridurli ad un ammasso di sillabe slegate, li disponeva in una scatola da scarpe, la agitava, e prendeva per buono l’ammasso caotico di assurdità fonetiche che ne tirava fuori. Poiché nessuno ama venir messo in ridicolo, filosofi e critici della cultura preferirono dimenticarlo. Secondo alcuni studiosi, tuttavia, il suo venir messo da parte andrebbe piuttosto imputato all’abitudine di indossare maglioni a collo alto e portare il cappello.

 

dal Manuale di filosofia fantastica (Link, 2022)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASANDOSI SUL RITORNO DEL SOLE
Virginia Laura e Giovanni Ciro non apparecchia mai per due. Anche se avesse trenta invitati, anche se fosse sola, anche Read more.
I Rabbini di Oria e non soltanto (Rabbi Beniamino)
La piccola Lucia fu destata dall’acqua della cisterna che chiamava il suo nome. La bambina guardò dalla finestra aperta sull’Estate Read more.
DERISO
Multietnico, pluriespressivo, paranomasico a dir poco, talmente fuori dagli schemi da disegnare un periplo e rientrarvi dagli estremi, Deriso (1941 Read more.
Accampamento 7 – La sagoma indolente
Ho fin’ora dissimulata la natura di questo immenso avvallamento che non è il risultato dell’erosione, ma larga e profonda buca Read more.
ALLAFANNATI
Un occhio è aperto. Un altro semi chiuso. C’è un cuore che batte ed un respiro che si affanna al Read more.
da I GIORNI QUANTI (68)
Oggi sono uscito dal ristorante e le mie figlie avevano la testa bassa. Avevano visto quanto ho pagato. Per un Read more.
IL VESTITO BIZANTINO – 36
Con un giogo d’ombre Il bivio di restare Strampalata bavetta di neonata. Col calcio d’angolo il goal Non l’ho mai Read more.
OCCLUSENE Parte II
entra ovunque  si insinua in qualunque organo   in ogni tipo di tessuto   di fibra  di unità funzionale grazie alle sue Read more.
TIC TAC
Senti come batte. Senti i clangori che rimbalzano sulle lamiere, gli spari di tosse, le gomme che squittiscono curvando sull’asfalto, Read more.