UNA CIRCONFERENZA VII

Non sempre i complotti sono tutti complotti, a volte libelli accidenti, altre ancora sorprendono per le dinamiche d’invenzione. Ma noi qui ci soffermiamo soprattutto su questo caso così specifico da risultare incredibile e appunto noioso, come tutte le cose straordinarie. Qui l’epica della traversata appare soltanto come una decifrazione di fatti mai accaduti, la vera storia è tutta inclinata su di un cronachismo così spicciolo da eccedere la realtà stessa che viene, sì, aggiornata, ma senza essere tale. Non la vediamo, ma ci attraversa. Gli alberi nomadi dell’Ecuador, i caribù azzurri che a gruppi scendono dalle fiamme, Frankie, l’ippopotamo, sì, così tondo e rosa, serafico e inconcludente a caccia di sacrifici personali e poche altre cose, una pozzanghera che sa di eterno, i cuccioli di iena dolci e amorevoli lanciano le pietre, proprio come si conviene a ogni esperienza che abbia nell’incipit la giusta irruenza. Il cartello con la descrizione storica del monumento ricalibra le cose, ma senza contezza dell’evento: la lingua avviene e, tuttavia, abbiamo visto come i fiumi soffrano della medesima svalutazione, nel reale, rispetto ai topici favolosi. E con che sapienza argomentava! Gli bastava una fugace annotazione olfattiva: l’andamento del fiume, la freschezza di un paesaggio non visto. Poiché tutte le date partono dall’anagrafe, amava muoversi solo per indizi e sovversioni. Al testo bastavano poche linee di fuga, un granchio, una proboscide di ragno, la stessa estensione di un albero: un cataclisma o l’universo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.