BENESSERE MILITANTE – Scena XIV (2)

«Perché vogliamo fare questo film? Per lasciare una specie di documento ai posteri?»
«Facciamo un film per raccontare una storia.»
«Una storia o la nostra storia?»
«Una storia attraverso la nostra storia. Ma perché queste domande?»
«Solo per capire meglio il senso di quello che stiamo facendo.
Ridotta al minimo, la storia che raccontiamo non ha niente di speciale. Morti per ecstasy fuori delle
discoteche ce ne sono ogni weekend, gruppi di giovani sballati con una vita di eccessi anche.»
«Non ha niente di speciale, ma è un concentrato, tiene insieme tutto come fosse l’origine, la storia
Madre.»
«Quindi distilliamo un’intera generazione fino a ridurla a poche gocce di una storia locale
concentrata?»
«Sì. La nostra generazione.»
«E’ questo lo scopo per noi?»
«Non capisco dove vuoi arrivare… porta pazienza, dopo il terzo spritz…»
«Intendo: abbiamo un messaggio da proporre, una visione o che ne so?»
«Adesso ho capito.
No.
Io non ce l’ho un messaggio. Un messaggio. E’ andato tutto a farsi fottere, vale ancora la pena fare
proposte per il mondo? Dai, siamo andati oltre il punk, siamo stati squatters che occupano la casa
comprata dal papi, cosa vuoi proporre? Hai una causa per cui lottare?
Poi è troppo impegnativo, fare proposte è impegnativo e dopo che le hai fatte devi starci dietro,
curarle, fare in modo che abbiano la possibilità di svilupparsi, di crescere. Fare proposte è come fare
figli senza neanche aver scopato.»
Prova tecnica di dialogo da inserire ad un certo punto, come oscura perla di saggezza con le mani
alzate, arresasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DESTINA / 1
  Anni dopo.   Pensando e aspettando, un mattino fisserà il cielo e le nuvole, e vedrà Americhe senza sud Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 4.4.2020 Sebastian, Florida.
Mi mancano il mio cane, il mio dottore, i miei amici e i miei libri. Mi manca il mio studio, Read more.
CRAMPI ESPRESSIVI 01
Un crampo espressivo dopo l’altro / fino a secernere fulgore dal mero dolore / Coltivare abituali sortilegi per ingannare il Read more.
NOSTR’OMBRA
Nella memoria di Gaspare Atomico Nucleare, incisi di un centimetro  osso e corteccia Parietale, di venti millimetri la parte apicale Read more.
INVITI A CENA – n.27
stasera ti guardo e penso che di te sarebbe più bello il ricordo. Parli tutta la sera dei tuoi viaggi Read more.
INTRAMOENIA (Sergej Esenin)
Stanco di vivere nel paese nativo nella nostalgia dei campi di grano, abbandonerò la capanna mia e vivrò vagabondo, ladro. Read more.
IN SPIAGGIA
Drappi di tenda, una distesa di cerchi azzurri, ondeggiano al cielo segno sicuro di estate, la permanenza del giorno Bimbe Read more.
ALTRI FRAMMENTI (18)
Onde evitare che il meccanico potesse dubitare circa le nostre condizioni di salute e che eravamo affetti da patologie senili Read more.
REMAINDER READER’S DIGEST – 4
percorrere poi il palinsesto nel temperatura stratificato infìla ere inconcludenti smembrate le gigantografie appena la cartolina di natale arriva piena Read more.