INVERTEBRATI

  

Ma questo quanto tempo fa? Un anno, un mese? – non gli chieda di essere più preciso – la giunca del marinaio attraccata ai Tropici – “Non mi abbandonare mai”, sibilò – smussato come la punta di un vecchio coltello da caccia – si sparse la voce – “Lei dice che si può rimediare?” – non sapeva se ne valesse la pena. Alle volte è meglio distruggere e ricominciare da capo – il marinaio sbriciolò una galletta con lo stivale e se ne andò. – ecco qua un altro che ci lascia soli. Quanto è lungo questo gioco? – Quasi mai a una domanda segue una risposta degna – “Voi, per esempio. Sì, voi. Dove andate a quest’ora? Documenti. Subito.” – sollevò in aria la paletta e il corteo delle moto si spense – “Correvamo oltre i limiti?” – Per la cameretta del bambino il limite era lo spazio, ma alla fine optammo per il blu. Nel blu i sogni piantano radici luminose – “Ho avuto sogni agitati, come quelli che racconta il marinaio” – aspirò kif da un bocchino di giada – “Giusto. Il marinaio. Qualcuno sa dirmi dov’è?” – una mano sventolò nel mucchio. “Il marinaio ci ha abbandonati. Era stanco di starci a guardare. Le ha lasciato questo” – “Aprilo, per favore” – l’involto conteneva una boccetta di inchiostro – “Un bel ricordo”, disse – emise un sospiro, accolto da un silenzio generale – fu allora che i millepiedi invasero la stanza – “Aiuto! Aiuto!”, urlò un uomo tatuato. La donna al suo fianco, anche lei tatuata, svenne – Si sparpagliarono. L’ambiente si accese – carne ben cotta, pronta a sfrigolare – nessuno ebbe il tempo di reagire – come una punizione che si abbatte accelerando la fine di un ciclo – le vittime furono cremate la sera stessa – intanto il marinaio aveva già oltrepassato lo stretto – fecero intervenire i piani alti. Dissero che quelle creature sono un regalo del surriscaldamento del pianeta – parassiti carnivori che dal loro punto di vista hanno ragione – “Cos’è che non vi torna? Guardate che è la verità.” – Lo sapevano che sarebbe finita così, però si offesero lo stesso – “Ma pensa te”, grugnì qualcuno, “Questi passano, passeggiano tranquilli come se niente fosse. Invertebrati – quelli erano già chiari sintomi di decadenza, non tanto morale, piuttosto, direi, sì, ecco sì, di decadenza estetica. A un certo punto della vita che senso ha esagerare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DESTINA / 1
  Anni dopo.   Pensando e aspettando, un mattino fisserà il cielo e le nuvole, e vedrà Americhe senza sud Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 4.4.2020 Sebastian, Florida.
Mi mancano il mio cane, il mio dottore, i miei amici e i miei libri. Mi manca il mio studio, Read more.
CRAMPI ESPRESSIVI 01
Un crampo espressivo dopo l’altro / fino a secernere fulgore dal mero dolore / Coltivare abituali sortilegi per ingannare il Read more.
NOSTR’OMBRA
Nella memoria di Gaspare Atomico Nucleare, incisi di un centimetro  osso e corteccia Parietale, di venti millimetri la parte apicale Read more.
INVITI A CENA – n.27
stasera ti guardo e penso che di te sarebbe più bello il ricordo. Parli tutta la sera dei tuoi viaggi Read more.
INTRAMOENIA (Sergej Esenin)
Stanco di vivere nel paese nativo nella nostalgia dei campi di grano, abbandonerò la capanna mia e vivrò vagabondo, ladro. Read more.
IN SPIAGGIA
Drappi di tenda, una distesa di cerchi azzurri, ondeggiano al cielo segno sicuro di estate, la permanenza del giorno Bimbe Read more.
ALTRI FRAMMENTI (18)
Onde evitare che il meccanico potesse dubitare circa le nostre condizioni di salute e che eravamo affetti da patologie senili Read more.
REMAINDER READER’S DIGEST – 4
percorrere poi il palinsesto nel temperatura stratificato infìla ere inconcludenti smembrate le gigantografie appena la cartolina di natale arriva piena Read more.