LA GIORNATA DEL SILENZIO

La giornata della terra e quella della mamma, la giornata del rifugiato e quella del papà, la giornata del bacio e quella della lentezza; e ancora: la giornata dell’olocausto, dei nonni e dei morti in mare, dei bambini e dell’Africa, dell’acqua e dei cavalieri, del risparmio energetico e della memoria, della poesia e degli innamorati, dei caduti in guerra e della pace nel mondo, dei lebbrosi e delle zone umide, contro il cancro e contro il bullismo, della donna e della radio, della giustizia sociale e della lingua madre, dell’udito e del sonno, della felicità e del teatro, delle foreste e della meteorologia, contro la discriminazione razziale e contro la schiavitù, dell’autismo e del diritto d’autore, della salute e del jazz, del disegno e della danza, contro la meningite e per le vittime dell’amianto, del cane e del tartufo, dell’amatriciana e del cane da tartufo, del gatto, del libro e del piffero di montagna, dei lavoratori e della risata, della libertà di stampa e delle ostetriche, dell’igiene delle mani e contro l’omofobia, della biodiversità e contro il tabacco, della bicicletta e dell’ambiente, dell’alfabeto braille e dei donatori di sangue, della musica e del vento, contro la tortura e per l’amicizia, dei mancini e contro la tratta, dell’orango e contro il buco dell’ozono, del turismo e per il cuore, del sorriso e degli occhi, contro l’alcolismo e per la non violenza, della salute mentale e contro la pena di morte, della gentilezza e del rifiuto della miseria, del diabete e della tolleranza, dei disabili e contro la corruzione, degli animali e dei vegetariani, del disarmo e dei migranti, dello spazio e dell’allattamento.
Non c’è giorno dell’anno che non si festeggi qualcosa. Manca solo la giornata del cazzo, ma quella è costantemente sotto traccia.
E se la smettessimo con questa orgia di sciocchezze e proclamassimo per 365 giorni all’anno la giornata del silenzio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL MOTEL DEL SIGNOR GRIGOLI
C’erano ovunque televisori accesi. Si respirava aria di guerra atomica. A Comiso i cruise erano in codice rosso e si Read more.
SIEDE UNA VECCHIA
siede una vecchia sul desco della sera rammenda i calzini della luna presto arriveranno i cuccioli col muso d’oro già Read more.
ora che (13) – marzo 1980 –
così stando sempre disteso faccia all’aria e gambe appena divaricate immobile sul letto e in silenzio in effetti sto sviluppando Read more.
INCONTRI
Una pietra in un bar la battigia in un cinema le facce si accavallano in un peripato si sovrappongono nuove Read more.
(L’OCCHIAIA. 76.)
Inaspettato e per ciò doppiamente gradito, sulle distratte superfici incolori delle vetrine a tutte le ore ingrigite dai soliti svogliati Read more.
COMMESSA
Sorpresa nella più totale disinformazione si trincerò dicendo di non essere tenuta a riferire cifre e resoconti. Read more.
NUVOLA ROSSA
Leggo le notizie e mi rendo conto che è il lancinante l’oggidiano orizzonte degli eventi… una grande Nuvola Rossa annuncia Read more.