TRA LE SPALLE LE DORMIVA UN SOLE

tornando a casa quella sera avevamo preso la pioggia e le si era già infiltrata sottopelle. infatti, quando la sentii tossire nel sonno, capii subito che si era trattato in realtà di uno smottamento. dal collo le si erano staccati dei piccoli massi che erano rotolati giù lungo la schiena, per fortuna senza danni, e che osservavo perché somigliavano a dei nei. mi convincevo che la loro disposizione non potesse essere casuale perché in lei volevo ci fosse sempre un mistero, mai una soluzione. tra le spalle le dormiva un sole allungato come un geranio parigino. alcuni raggi si erano scuciti e continuavano a brillare per conto proprio sulle lenzuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEMPRE LIEVE E PONENTE
  In un salotto stile Luigi Filippo – piuttosto malandato in verità, ma in una casa patrizia ancora ben conservata Read more.
SONO PIEGHE D’INVERNO E
sono pieghe d’inverno e la somma di vite queste vite – le piccole cose di segni lontano nelle stanze divine Read more.
LANCIANDO UN GRIDO
  Lanciando un grido d’attenzione, io esclamo un giorno sì e uno no (vale a dire spesso sì e spesso Read more.
ASCIUTTA E SECCA VOCE
Asciutta e secca voce a notte, rara, basta all’avara immersione nella fonte, frattanto che si guada la fiumara, il letto Read more.
NOVANT’ANNI
La signora compie novant’anni: la sala del ristorante è dedicata a lei oggi. Due palloncini color fucsia – un nove Read more.
QUADRO 1
(dimmi bambino che fai lì tutto solo)     … (il quadro che apre la mostra) Tutti i quadri della Read more.
ANUBI
con la lampadina accesa tra i denti sospeso nella piena luce del giorno di lato all’uomo che sfiletta acciughe salate Read more.
VIII)
loro mi spogliano giocando e ridendo io mi sbuccio le ginocchia, io mi faccio crescere i denti gli infermieri parlano Read more.
LINGUE ALTRUI
Masticavano vuoto gli antenati del neolitico, resina di betulla e poi ci fu il mastice di Chios a tenere in Read more.