BENESSERE MILITANTE

Prologo

Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le
automobili, entro spazi delimitati da strisce.
Automobili, inumani, niente con palpiti reggerebbe tanta prolungata immobilità. Vuota. Attesa.
Intemperie incluse, nonostante.
Svilupparsi entro spazi equipollenti delimitati da strisce, regolarizzati chiaramente con un che di
socialdemocratico, quieto rassicurante permafrost asfaltato con un’unica indefessa stagione neutra:
lamiere verniciate degradano impercettibilmente nel tempo, non subiscono variazioni apprezzabili,
non incendiano di autunni, non scandiscono differenze. Negano. Negano venga domani diverso da
oggi: esiste opportunità che domani sia peggio di oggi e il gioco del cambiare allora non vale una
candela, una qualsiasi.
Svilupparsi entro spazi delimitati da strisce invece si può, collocarsi ordinati in ambito parassita
parallelo al Viale, perimetrale la Piazza, mai sotterranei sempre mantenendo adeguato livello.
Spicci dopo spicci il conto del parchimetro sarà salato, ma si può.
Cambiare senza volerlo è difficile.
Cambiare senza volerlo e senza sapere cosa di diverso voler diventare è un inferno.
Cambiare senza volerlo e volendo diventare niente di diverso, è il peggio si possa immaginare.
Farne un film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HABITUS
Rattan  palm con o senza spine? Oggi non sono più una brava ragazza dal dis-livello ad interim, inciampando sulle questioni Read more.
FENICOTTERI
Scivolo e cado, mi rialzo e cado di nuovo. Ridono – i merdoni. Mi sanguina un ginocchio. Mi guardo nella Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena 3
Poco da dire bocche cucite impasti spritz e tristezza; dal bar del tempo perduto e olive ascolane via uno alla Read more.
URLO 1
quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta Read more.
ORCHIDEA AFGANA
ci voleva il bisturi di ieri ultimo scorso per capire che la situazione non è tra le più commendevoli sicuramente Read more.
RITORNO A CASA 3
quella folla a mezzogiorno mezzanotte gli sembrò di sentire il duca con guanti in pelle cappello a falde larghe mocassini Read more.
GUARDI NEGLI OCCHI IL FRIGORIFERO
Di mangiartelo il frigorifero di mangiartela la donna che hai chiuso in frigorifero più buona sarà stata la carne di Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.