BENESSERE MILITANTE

Prologo

Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le
automobili, entro spazi delimitati da strisce.
Automobili, inumani, niente con palpiti reggerebbe tanta prolungata immobilità. Vuota. Attesa.
Intemperie incluse, nonostante.
Svilupparsi entro spazi equipollenti delimitati da strisce, regolarizzati chiaramente con un che di
socialdemocratico, quieto rassicurante permafrost asfaltato con un’unica indefessa stagione neutra:
lamiere verniciate degradano impercettibilmente nel tempo, non subiscono variazioni apprezzabili,
non incendiano di autunni, non scandiscono differenze. Negano. Negano venga domani diverso da
oggi: esiste opportunità che domani sia peggio di oggi e il gioco del cambiare allora non vale una
candela, una qualsiasi.
Svilupparsi entro spazi delimitati da strisce invece si può, collocarsi ordinati in ambito parassita
parallelo al Viale, perimetrale la Piazza, mai sotterranei sempre mantenendo adeguato livello.
Spicci dopo spicci il conto del parchimetro sarà salato, ma si può.
Cambiare senza volerlo è difficile.
Cambiare senza volerlo e senza sapere cosa di diverso voler diventare è un inferno.
Cambiare senza volerlo e volendo diventare niente di diverso, è il peggio si possa immaginare.
Farne un film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.